ANTONIO LECCI
Cronaca

Piena dell'Enza, chiude ancora il ponte a Sorbolo

Scattato in tarda mattinata il provvedimento attuato quanto il livello raggiunge gli 11 metri. Nessun problema per il Po

Chiuso il ponte a Sorbolo per la piena del fiume Enza

Chiuso il ponte a Sorbolo per la piena del fiume Enza

Brescello (Reggio Emilia), 5 novembre 2023 - Nuova piena, fra la tarda mattinata e il pomeriggio, al ponte di Sorbolo, per l’ennesimo innalzamento del livello dell’Enza.

Alimentato dalle piogge intense della notte, il torrente tra le province di Reggio e Parma ha iniziato il suo rapido incremento poco dopo le 2,30 all’idrometro situato al ponte che collega Brescello a Sorbolo Mezzani.

Aggiornamento 

Approfondisci:

L'Enza sfiora gli 11 metri e il ponte di Sorbolo resta aperto

L'Enza sfiora gli 11 metri e il ponte di Sorbolo resta aperto

Alle 8,45 ha raggiunto la seconda quota di allerta, quella arancione, ai nove metri, avvicinandosi alla soglia degli undici metri. E, come da prassi, è stato necessario provvedere alla chiusura del ponte al traffico, come sempre capita quanto il livello raggiunge gli undici metri. Dunque, ferma la viabilità per alcune ore sul ponte, con i disagi che dovrebbero essere limitati dalla giornata festiva, con un traffico decisamente inferiore rispetto ai giorni feriali.

Intanto, il livello dell’Enza a Sant’Ilario ha iniziato a scendere: alle sette ha raggiunto il picco massimo di 2 metri e 23, già in area rossa, per poi iniziare a calare. A Vetto il colmo di piena è transitato alle 3,45 in zona rossa a 3 metri e 36, per poi iniziare la rapida discesa, tanto che in tarda mattinata si avviava sotto la prima quota di attenzione, quella gialla, a un metro e 40 centimetri.

Sotto controllo anche il Secchia, che nella notte ha raggiunto le quote arancioni agli idrometri di Ponte Veggia e del ponte sulla via Emilia a Rubiera, sfiorando il livello rosso, ma iniziando poi la rapida decrescita già dalla prima mattinata.

Nessun problema dal Po, che si mantiene sotto la prima linea di allerta, intorno ai quattro metri di quota, ben distante dagli argini maestri.

Ma per motivi precauzionali in tutta la zona rivierasca reggiana sono stati chiusi i percorsi ciclopedonali in golena, che in qualche punto potrebbero essere interessati da normali allagamenti.