In tutta la regione non esiste prezzo più competitivo  per quanto riguarda gli affitti: 7,23 euro al metro quadro
In tutta la regione non esiste prezzo più competitivo per quanto riguarda gli affitti: 7,23 euro al metro quadro

Reggio Emilia, 24 aprile 2019 - Calano i prezzi degli affitti nella nostra città. A Reggio i canoni di locazione sono tra i più bassi dell’Emilia-Romagna, così come il costo medio al metro quadro per le abitazioni in vendita. A stilare le rilevazioni di mercato è l’osservatorio di Immobiliare.it. In tutta la regione non esiste prezzo più competitivo di quello di Reggio per quanto riguarda gli affitti: 7,23 euro al metro quadro rispetto alla media regionale di 9,32 euro. Un crollo dei costi negli ultimi tre mesi (-3,3%).

Solo Cesena ha fatto registrare un trend negativo più basso (-7,7%), ma comunque attestando il prezzo a 8,60 euro al metro quadro. Mentre nella città del Tricolore la diminuzione rispetto al 2018 è del -2,1%. E le vicine Parma e Modena? Oltr’Enza affittare costa 9,31 euro al metro quadro, mentre 1.800 euro al metro quadro per comprare casa. Sotto la Ghirlandina invece ce ne vogliono 9,12 per gli affitti e 1.962 per acquistare.

Notizie buone per chi vuole acquistare o affittare a Reggio, meno per i proprietari che hanno dovuto ridurre le pretese affinché i loro locali non rimanessero sfitti o vuoti ancora a lungo. E nella nostra città potrebbe essere un bene dato che spesso – soprattutto per il centro storico – si erge a problema massimo sia per commercianti sia per privati, il costo troppo elevato. Anche se ovviamente i dati snocciolati in questo report rappresentano una media.

Il costo al metro quadro per gli immobili in vendita a Reggio rispetto all’anno scorso è stabile (+0,1%), ma è calato negli ultimi tre mesi (-0,5%). Ma acquistare da noi conviene molto di più se confrontato a molte città emiliano-romagnole: 1.480 euro al metro quadro il costo medio. Solo a Ferrara il prezzo è più basso con 1.436 euro. La media regionale si attesta sui 1.963 euro, alzata dalle «inavvicinabili» Bologna (2.798 euro al metro quadro) e Rimini (2.548 euro al metro quadro).

Città in cui si sono tra l’altro addirittura verificati aumenti rispettivamente del 3,7% e del 3,1% dei prezzi di vendita. E addirittura – per quanto riguarda il capoluogo felsineo – del 5,1% per gli affitti: ci vogliono 12 euro al metro quadro per strappare un contratto di locazione nella città delle due Torri. Andando oltre l’andamento dei costi delle case in Emilia Romagna, attraverso un’analisi fornita da Euroansa, società di mediazione del credito, è possibile anche scoprire il profilo di chi accende mutui.

Oltre il 70% dei finanziamenti viene richiesto tra i 31 e i 50 anni, mentre solo il 19% viene concesso agli under 30. Inoltre i mutui vengono erogati soprattutto per lunghi periodi: l’83% dei finanziamenti ha una durata che rientra nella fascia 25-30 anni. Il 95% dei finanziamenti dell’ultimo anno sono stati concessi per l’acquisizione della prima casa.