Quattro volte al tie-break, zero successi: "Più incisività nei momenti determinanti"

Volley A2, la Conad decisa a invertire il trend. Il capitano Sesto: "Purtroppo abbiamo permesso al Porto Viro di rientrare"

Quattro volte al tie-break, zero successi: "Più incisività nei momenti determinanti"

Quattro volte al tie-break, zero successi: "Più incisività nei momenti determinanti"

Zero su quattro.

La Conad, col 2-3 domenicale interno contro Porto Viro, ha perso la quarta gara su 5 disputate quest’anno e tutte le sconfitte hanno un comune denominatore, ovvero l’essere arrivate al quinto set.

Che, se da un lato non fa male alla classifica (la sconfitta al tie-break è "premiata" con 1 punto), dall’altro segnala come gli uomini di Fabio Fanuli debbano fare ancora un salto di qualità per competere ad alti livelli: "Sicuramente non siamo contenti né del risultato, né della nostra gara", spiega il tecnico reggiano.

"Non siamo riusciti a porre rimedio ai nostri errori causati dai cambiamenti avvenuti dall’altra parte della rete, dopo aver condotto 2-0", aggiunge il coach.

" Il merito, ovviamente, va all’avversario che ci ha battuti sul campo. Non ci resta altro che continuare a lavorare, guardare dalla nostra parte e cercare in tutti i modi di invertire questo trend".

Sulla stessa lunghezza d’onda l’analisi di capitan Nicola Sesto: "È stata la classica partita da due volti", spiega.

"Il primo ed il secondo set sono andati molto bene, poi purtroppo non siamo riusciti a risultare incisivi nel corso del match e abbiamo fatto sì che l’avversario tornasse in partita".

"Sappiamo che è un campionato durissimo – conclude Sesto – molto equilibrato e quindi non ci rimane che imparare ad essere maggiormente incisivi anche nei momenti clou".

Il precedente. Il rapporto coi tie-break non è stato sempre così negativo per la società cittadina.

Due stagioni or sono, nel campionato chiuso con la vittoria ai playoff, la regular season vide i giallo-rossi imporsi nelle prime 4 gare terminate al quinto set, quelle interne con Motta di Livenza e Cantù, oltre a quelle esterne contro Brescia e Santa Croce; la Conad cadde alla quinta, nel primo match del girone di ritorno disputato a Siena, per poi vincere nuovamente con Motta di Livenza e con Porto Viro, guarda un po’ i casi della vita.

Nel torneo 202324, invece, Reggio vinse 3 dei 5 tie-break del girone d’andata; nella seconda parte di stagione perse i primi 3, per poi imporsi alla terzultima nel match casalingo con Ravenna, tappa chiave nella conquista della salvezza.

d.r.