CronacaReggio Emilia: rapinano con coltello e parrucca un 19enne alla fermata del bus a Canali, tre giovani arrestati
np_user_4025247_000000
DANIELE PETRONE
Cronaca

Reggio Emilia: rapinano con coltello e parrucca un 19enne alla fermata del bus a Canali, tre giovani arrestati

Lo hanno minacciato per farsi consegnare il portafogli. Con loro c’era anche una minorenne che ha filmato la scena col telefonino: denunciata

Accerchiano e rapinano del portafogli un 19enne: tre arresti
Accerchiano e rapinano del portafogli un 19enne: tre arresti

Reggio Emilia, 24 gennaio 2023 – Il branco lo ha accerchiato ad una fermata dell’autobus di Canali, in via Tassoni. E, puntandogli un coltello, lo hanno rapinato del portafogli. La vittima però ha chiamato la polizia che un quarto d’ora dopo ha arrestato tre giovani del gruppo, uno dei quali indossava una parrucca color lilla per non essere riconosciuto. Con loro c’era anche una minorenne – denunciata – che ha ripreso la scena col telefonino poi sequestrato dagli agenti delle Volanti per scandagliarlo al fine di approfondire le indagini e capire se si sono resi responsabili di altri colpi. 

A finire in manette, in flagranza di reato, un 21enne – già con diversi precedenti per reati contro il patrimonio e per droga – e due 19enni incensurati. Tutti e tre si trovano in carcere, in attesa dell’udienza di convalida che si terrà domattina in tribunale.

Gli oggetti sequestrati
Gli oggetti sequestrati

I fatti – illustrati stamattina in una conferenza stampa in Questura – risalgono a domenica pomeriggio, intorno alle 15. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti i tre avrebbero individuato il 19enne da rapinare già sull’autobus e sono scesi alla sua stessa fermata. Il 21enne ha estratto il coltello, e assieme ai due complici 19enni (nei loro zaini sono stati trovati un cacciavite e un martelletto d'emergenza dei mezzi di trasporto pubblico) hanno minacciato il coetaneo e si sono fatti consegnare il portafogli che conteneva 75 euro.

Infine si sono allontanati. Poco dopo l’allarme al 113 lanciato dalla stessa vittima che ha fornito un accurato identikit. Il tempestivo intervento dei poliziotti ha consentito di rintracciare il gruppetto alla fermata successiva e di arrestare i tre con l'accusa di rapina aggravata in concorso.