Reggio-Ciano, ritardi e cancellazioni . Venerdì di passione per i pendolari

Disagi per lavoratori e studenti, esplode la rabbia sui social "Ho dovuto chiedere la flessibilità".

Reggio-Ciano, ritardi e cancellazioni . Venerdì di passione per i pendolari

Reggio-Ciano, ritardi e cancellazioni . Venerdì di passione per i pendolari

Venerdì di passione per i pendolari della ferrovia della Val d’Enza: ieri il "treno degli studenti" 90196 da Ciano è arrivato a Reggio con 25 minuti di ritardo (il giorno precedente aveva accumulato 22 minuti) mentre sono stati soppressi il 90199 (dalla città verso la collina, con partenza alle 6,30) ed il 198 (partenza da ciano alle 7,23). A confondere ancor di più i viaggiatori, l’apparizione sul tabellone nelle stazioni di un fantomatico treno 90205, inesistente… ma con 10 minuti di ritardo! La linea anche giovedì era stata in sofferenza, e tra l’altro i treni Fer non venivano tracciati dalle app Trenitalia e "Orario Treni".

I disagi sono stati commentati con rabbia, frustrazione e sarcasmo sui social. Sulla pagina Facebook "Sei di Bibbiano se" una cittadino ha scritto: "Anche oggi stra-ritardi. Ho dovuto chiedere flessibilità al lavoro". "I tanti problemi oggettivi provocati dalla ferrovia sono ormai evidenti - ribadisce il comitato Mobilità Sostenibile Reggio-Ciano - Le soluzioni esistono: la conversione in tranvia su rotaia dell’infrastruttura ferroviaria. I 37 passaggi a livello diventerebbero semplici incroci semaforici intelligenti. Il semaforo diventa rosso solo per i pochi secondi necessari all’attraversamento dell’incrocio del tram su binari".

Il M5s di Cavriago annuncia: "Abbiamo abbiamo portato in consiglio comunale un Odg per lo studio di fattibilità. Vediamo cosa voterà la maggioranza".

Francesca Chilloni