Con l’approvazione del Decreto Semplicazioni, votato in Senato, passa anche un emendamento che proroga alla fine del 2021 il termine per la fine dei lavori di ricostruzione da parte delle aziende agricole danneggiate dal sisma del 2012 e che avevano avuto in assegnazione i fondi europei stanziati su conti correnti vincolati. Lo annuncia la senatrice Maria Laura Mantovani, del M5s, che a quell’emendamento ha lavorato a lungo. Ora dovrà passare alla Camera per essere convertito in legge. Un provvedimento che interessa in particolare i vari Comuni della Bassa che maggiormente erano stati colpiti dal sisma. "Sono 124 i milioni di euro, provenienti da fondi europei, ancora fermi nei conti correnti vincolati per la ricostruzione e assegnati agli agricoltori modenesi, ferraresi, bolognesi e reggiani, che hanno presentato istanza per ricostruire dopo il sisma del 2012. La proroga alla fine del 2021 per terminare i lavori permetterà agli agricoltori interessati di non vedere andare in fumo quei soldi. Non sono infatti bastate le ordinanze della Regione; occorreva una modifica alla legge con cui lo Stato si è impegnato con l’Europa", dice la Mantovani. "Nel Modenese sono stati assegnati fondi per 105 milioni di euro, nel Ferrarese 15,7, nel Reggiano 3,3 milioni di euro.