DANIELE PETRONE
Cronaca

Runner investito e ucciso a Reggio Emilia, il guidatore era ubriaco e drogato: va ai domiciliari

Scarcerato l’uomo che ha investito Paolo Guidetti a Zurco di Cadelbosco Sopra. Ha rifiutato l’etilometro, ma in ospedale è stato sottoposto agli esami: “Era quasi in coma etilico”

Reggio Emilia, 3 maggio 2023 – Un tasso alcolemico quasi cinque volte superiore il limite consentito, tracce di cocaina. Era ubriaco e sotto effetto di droga il 45enne che sabato mattina, con la sua Mercedes Clk, ha investito e ucciso il 56enne runner Paolo Guidetti a Zurco di Cadelbosco Sopra (video e foto).

Pedoni morti sulle strade: quanti sono in regione

L’uomo al volante subito dopo l’incidente, si era rifiutato di sottoporsi all’alcoltest davanti ai carabinieri. Lievemente ferito nello schianto, era stato portato all’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio. Qui, dopo gli accertamenti per il trauma, sono stati eseguiti gli esami tossicologici. Ed è arrivato il grave responso: 2,48 g/l (grammi di alcol per litri di sangue). Una soglia elevatissima. Stando al referto stilato intorno alle 12,30, ben cinque ore dopo l’incidente quando la curva dell’alcol presente nel sangue è in naturale discesa; si ipotizza che al momento dell’impatto, potesse essere quasi vicino al cosiddetto coma etilico (che si stima sui 3,5-4 g/l).

Confermando, tra l’altro, la testimonianza di un automobilista riportata anche dal Carlino: "Ho notato una Mercedes (quella guidata dal 45enne, ndr) dietro di me, che per un lungo tratto tendeva a sbandare. Il conducente è uscito da solo dall’auto, ma barcollava, era in stato di choc. Non si rendeva nemmeno conto di quanto era accaduto…".

Nel pomeriggio di sabato erano scattatate così le manette per il conducente, originario e residente a Miradolo Terme, in provincia di Pavia. L’uomo, G.S., le sue iniziali, lavora nell’ambito del settore agricolo; è un imprenditore con diverse aziende – che gestisce con la moglie – tra il Pavese e l’Appennino reggiano (in particolare a Carpineti).

Ieri mattina è comparso in tribunale a Reggio davanti al gip Dario De Luca che lo ha scarcerato, convalidando però l’arresto e disponendo i domiciliari come misura cautelare in attesa del processo (mentre il sostiuto procuratore Maria Rita Pantani, titolare del fascicolo, aveva chiesto la custodia in cella). Deve rispondere dell’accusa di omicidio stradale colposo. Assistito dall’avvocato Amerigo Ghirardi del foro di Parma, si è avvalso della facoltà di non rispondere e si è limitato a rendere alcune dichiarazioni spontanee in aula: "Sono ancora molto confuso, ma mi dispiace per la famiglia della vittima, alla quale chiedo scusa", ha detto.

L’incidente è avvenuto alle 7,30 di sabato scorso. Guidetti stava correndo, come spesso faceva allenandosi per passione, lungo l’ex Statale 63, tra Zurco e Cadelbosco Sopra, all’incrocio tra via Colombo e via Viazza. All’improvviso l’auto impazzita lo ha centrato, travolgendolo. Paolo è morto praticamente sul colpo. Il suo corpo è stato ritrovato in un cortile privato dov’è letteralmente volato per diversi metri in aria dopo essere stato sbalzato dal terribile impatto. A nulla sono valsi i soccorsi del 118, dei vigili del fuoco e dei carabinieri del radiomobile di Guastalla.

La vittima, a lungo artigiano nel settore della litografia e ora senza occupazione fissa, lascia la moglie Cinzia Di Cocco, 50 anni – con la quale abitava in via Piccard, a Pieve Modolena, in città a Reggio – oltre a due figli avuti da una precedente relazione.