Shabbar Abbas, con la moglie, si troverebbe nelle campagne fuori Charanwala
Shabbar Abbas, con la moglie, si troverebbe nelle campagne fuori Charanwala

Reggio Emilia, 26 settembre 2021 - Un avvistamento dei genitori di Saman, proprio nella loro tenuta in Pakistan. E’ possibile? Durante la trasmissione Quarto Grado, in onda su Rete 4, si è parlato proprio di questo l’altra sera. Una vicenda, quella di Saman Abbas, che questa settimana ha vissuto uno dei suoi momenti più significativi con l’arresto di quello che, secondo l’attività investigativa della Procura della Repubblica reggiana, dovrebbe essere l’esecutore materiale dell’omicidio della giovane: lo zio Danish Hasnain.

Dove si trovano i genitori? Un primo elemento di novità è quanto riportato da Anna Boiardi, giornalista della redazione della trasmissione che, interpellata dal conduttore, Gianluigi Nuzzi, ha rivelato che i genitori di Saman, il papà Shabbar Abbas e la moglie Nazia sono stati avvistati nelle campagne poco fuori al centro abitato di Charanwala in Pakistan, dove, chiusa con dei lucchetti, si trova anche la casa di famiglia. La Boiardi ha raccontato che alcuni informatori del posto, interpellati direttamente da ’Quarto Grado’, avrebbero confermato di aver visto Shabbar aggirarsi tra i campi - di proprietà degli Abbas stessi e gestiti da dei contadini definiti nel dialetto locale come ’schiavi’- e le case ad essi annesse, quasi sempre di notte.


Ubriaco e molesto. Il racconto della Boiardi scende ulteriormente nei particolari, evidenziando come nelle sortite notturne del papà di Saman, sia stato visto spesso ubriaco: "Con un atteggiamento molto violento, aggirandosi per quelle abitazioni e molestando le donne. Una notte, avrebbe anche sparato dei colpi di arma da fuoco in aria - raccontava in trasmissione la Boiardi - Le nostre fonti hanno chiesto l’assoluto anonimato. Tutti, in paese, hanno paura di Shabbar Abbas".
 

Informato su tutto. Un ulteriore aspetto molto inquietante che è emerso dalla trasmissione è che il papà di Saman è perfettamente a conoscenza di quanto viene scritto e detto in Italia sulla vicenda della sparizione e (presunta) uccisione della figlia: "In una delle precedenti puntate avevamo intervistato uno degli amici di Shabar Abbas - aggiunge la giornalista di ’Quarto Grado’ -. Lui dopo qualche giorno è andato da quell’amico chiedendogli conto di quanto detto in trasmissione e minacciandolo".
Quindi, se questo è il presupposto, Shabar Abbas saprà di sicuro della richiesta di estradizione per lui e la moglie, firmata dal Governo italiano e che, lunedì, via corriere internazionale, arriverà sui tavoli dell’omologo pakistano ad Islamabad: "E lì vedremo come si comporteranno le autorità pakistane", chiosa la Boiardi.