Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 mag 2022

Sanità, 300 assunti col Covid sono a rischio

Gaetano Merlino (Cgil): "La coperta è corta. Da un lato andrebbero stabilizzati come contratto, dall’altro non ci sono i soldi per farlo"

3 mag 2022

di Nicola Bonafini Sono finiti gli extra budget. Ergo: le stabilizzazioni sì, ma nel rispetto di un budget, quello della sanità reggiana, che dovrà necessariamente contrarsi. E’ questa la sintesi della situazione che riguarda i 300 professionisti sanitari – di cui duecento nel ruolo di infermieri e oss – assunti con contratto a tempo determinato durante il periodo Covid. Ne ha parlato il segretario della Camera del Lavoro, Cristian Sesena nella lunga intervista del Primo Maggio rilasciata al Carlino e oggi viene ribadita ancor più nel dettaglio da Gaetano Merlino, sindacalista della Cgil reggiana con delega alle questioni relative alla sanità. Personale amministrativo e professionisti sanitari. Quello che emerge è una sorta di ‘doppio binario’ tra il personale amministrativo assunto con contratto a tempo all’interno delle Ausl e i professionisti sanitari: "La Legge Madia stabiliva la necessità della stabilizzazione del rapporto contrattuale alla scadenza dei 36 mesi di contratto a tempo determinato – spiega Merlino –. Nell’ultima legge di bilancio, approvata dal Governo, vi è la conferma delle stabilizzazioni dei professionisti sanitari, entro il 31 dicembre 2023 (alla scadenza di 18 mesi di assunzione a tempo determinato, ndr)". L’inghippo? E’ duplice. Da una parte, per la stabilizzazione vi è la necessità che vi siano le risorse economiche sufficienti per sostenere i nuovi ingressi; dall’altra si deve capire che fine farà il personale amministrativo che, almeno sulla carta, rischia di non vedere riconfermato il posto di lavoro: "L’ostacolo maggiore, è ovviamente, quello dei bilanci delle Aziende sanitarie che sono pesantemente in rosso (secondo quanto trapelato, per esempio, l’Ausl reggiana dovrebbe essere ‘sotto’ di circa una cinquantina di milioni di euro, ndr). Il che vuol dire che la stabilizzazione di quei lavoratori c’è, se viene garantita l’adeguata copertura economica. Altrimenti ci possono essere dei problemi anche da questo punto di vista. Nonostante ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?