Scoppia la polemica tra centrodestra e Sulpl

La Fantinati chiede spiegazioni sull’operato della Polizia locale . L’auto scortò al pronto soccorso l’ambulanza col pakistano che poi sfasciò tutto.

Scoppia la polemica   tra centrodestra e Sulpl

Scoppia la polemica tra centrodestra e Sulpl

Provoca polemiche la vicenda del pronto soccorso di Guastalla, preso di mira da uno straniero che, in stato di ebbrezza alcolica, lunedì notte ha danneggiato computer e strutture, minacciando gli operatori che stavano lavorando per prestargli assistenza, dopo essere stato lasciato in un parco pubblico di Reggiolo, ferito in seguito a una rissa con connazionali. Alcuni consiglieri comunali di centrodestra, guidati dal capogruppo in Provincia, Cristina Fantinati, hanno chiesto accertamenti sull’operato della polizia locale che quella notte aveva "scortato" l’ambulanza fino al pronto soccorso, con gli agenti che, non emergendo situazioni di criticità, se n’erano poi andati. Ribatte il sindacato Sulpl, attraverso il dirigente Lorenzo Cristofaro: "Il consigliere Fantinati sa bene che esistono strumenti che le permettono di acquisire tutte le informazioni sull’intervento degli agenti. Ma intervenire sui giornali senza aver ricostruito ufficialmente i fatti, denota come si voglia utilizzare la polizia locale per fare politica. Agenti e ufficiali effettuano spesso interventi a supporto degli operatori sanitari. Da chi fa politica ci aspettiamo, al di là dell’appartenenza partitica, vicinanza alle divise. Invece, prendiamo atto che ancora una volta non è stato così". Replica la Fantinati: "Respingiamo al mittente queste critiche inappropriate e irrispettose. Non si voleva colpevolizzare nessuno, ma accertare se siano stati commessi errori nella gestione del servizio di scorta al pakistano, che poi ha distrutto il pronto soccorso. O se sia da migliorare il protocollo previsto per tale tipo di servizio".

Antonio Lecci