Scuole e nidi d’infanzia . Intesa Comune-sindacati

Firmato un accordo sugli organici e il reclutamento di personale. L’assessore Curioni: "Continuare l’investimento sui servizi educativi".

Con la firma di un accordo e la definizione di un percorso su stabilizzazione e reclutamento di personale da qui alla prossima primavera, si è chiuso il confronto tra Comune di Reggio Emilia e sindacati sui dipendenti comunali in servizio all’Istituzione Scuole e Nidi dell’infanzia.

Avviato la scorsa primavera e giunto alla proclamazione dello stato di agitazione dei sindacati, il confronto si è risolto con un’intesa che definisce pure le nuove procedure concorsuali per assunzioni a tempo indeterminato o stabilizzazioni per le professioni che operano nel campo dell’educazione e dell’infanzia.

Ora al direttore generale del Comune, Maurizio Battini, spetta la definizione del piano dei fabbisogni, su cui la dirigente del personale, Battistina Giubbani, adeguerà progressivamente la dotazione organica.

Si prevedono il concorso per cuoche in vista della sostituzione di personale che andrà in pensione entro maggio 2024, il reclutamento di personale precario che ha già lavorato per l’istituzione con venti collaboratori scolastici, l’espletamento del concorso per insegnanti nel febbraio 2024, per circa 19 posti, per la copertura di tutti i 33 rimanenti posti vacanti, la selezione per il personale educativo di atelier, anch’esso inquadrato in categoria D, per i tre posti attualmente vacanti di Atelieristi, previsto il 30 aprile del prossimo anno.

"Desidero esprimere soddisfazione – il commento dell’assessore all’educazione, Raffaella Curioni – per questo risultato, che conferma l’impegno del Comune a continuare l’investimento sui servizi educativi, a partire dal reclutamento delle diverse figure professionali nelle scuole".