Marcello Bonvicini, presidente Bonifica
Marcello Bonvicini, presidente Bonifica

Sul fiume Enza si potrà continuare a prelevare acqua per irrigare le colture. E’ quanto ha ribadito la determina arrivata da Arpae, che concede l’autorizzazione adeguandosi a quanto ribadito dalla Regione. Già da oggi, grazie alla funzionalità dell’impianto situato in località Cerezzola (Canossa), i consorzi di Bonifica dell’Emilia Centrale (gestore del manufatto) e Bonifica Parmense sono legittimati a derivare una quantità di acqua per l’irrigazione indispensabile per portare sollievo alle imprese agricole del territorio. Un’autorizzazione che in questa fase temporale, al termine di un anno emergenziale a causa della pandemia da Covid e in un contesto climatico sempre più torrido sia per le temperature che per l’assenza di piogge, rappresenta una vera boccata d’aria fresca.

"Siamo soddisfatti della presa d’atto dello stato di difficoltà e della decisione di concedere la deroga – ha commentato il presidente del Consorzio dell’Emilia Centrale, Marcello Bonvicini – ringraziamo pertanto gli assessori Priolo per la determina in tempo utile e Mammi per l’interessamento dimostrato. Nel lungo periodo sarà comunque fondamentale trovare una strategia comune per poter far fronte già in primavera alle possibili carenze. In questi casi i tempi di monitoraggio e intervento sono essenziali, un giorno in più o in meno possono essere fondamentali per i raccolti".