Quotidiano Nazionale logo
15 apr 2022

Spaccio e furti in via Sani "A qualsiasi ora del giorno"

I residenti delle vie limitrofe testimoni di ciò che accade: "Scambi continui tra pusher e clienti, incuranti se nella via stiamo passando noi residenti"

La polizia in un pattugliamento nel parcheggio della Coop di via Sani
La polizia in un pattugliamento nel parcheggio della Coop di via Sani
La polizia in un pattugliamento nel parcheggio della Coop di via Sani

Spaccio a cielo aperto. A qualsiasi ora del giorno e della notte. E, per non farsi mancare nulla, anche qualche ‘furtarello’ dentro al supermercato. Insomma, via Sani e zone limitrofe come la terra di nessuno.

E fioccano le segnalazioni che da qualche giorno arrivano con una certa continuità. Punti nevralgici di questa rinnovata attività di degrado che non pare vedere un argine, sono il parcheggio antistante al supermercato Coop, proprio in via Sani, il vialetto circostante l’esercizio commerciale che porta direttamente su via Vecchi, oltre alla stessa via – stretta e abbastanza appartata - perché ‘coperta’, appunto, dal supermercato.

"Sinceramente questa è una situazione che noi come cittadini residenti stiamo riscontrando da un po’ di tempo – racconta uno dei condomini di via Vecchi -. Le posso dire che non più di un qualche giorno fa ho assistito coi miei occhi ad uno scambio di droga tra il classico ‘spaccino’ in bicicletta e due clienti. Il bello è che hanno fatto il loro business mentre io passavo di lì in bicicletta!". Un classico, questo qua, degli ultimi tempi, in quello spicchio di Reggio Emilia: "Che ore erano? - prosegue nel racconto il diretto interessato – tra le 17 e le 18". Un orario topico: "Assolutamente – rincara la dose un altro abitante della zona -. In particolare il parcheggio davanti al supermecato ed il sottopassaggio diventano pressoché inaccessibili, perché pieno di spacciatori che arrivano ad offrire dosi di droga anche ai cittadini, ignari, che vogliono parcheggiare lì, oppure attraversare il vialetto o passeggiare in zona. La situazione è particolarmente fastidiosa, ed il senso di insicurezza, molto alto".

Il tutto, nonostante lì, a qualche passo, sia presente il posto di polizia di via Turri che è un presidio continuo per tutta l’area che insiste sulla stazione Storica e zone limitrofe. Un’area, quella di cui si sta parlando, fortemente ‘attenzionata’ dalla questura, che non manca di organizzare dei servizi di controllo e pattugliamento di quest’area, almeno una volta alla settimana. Evidentemente, però, lo sforzo, che è innegabile ed altrettanto visibile, non riesce a limitare il proliferare dello spaccio ‘al minuto’, proprio nelle vie e viuzze che formano il reticolato adiacente piazzale Marconi: "Quello che ho potuto vedere, è che la settimana scorsa alcuni tecnici del Comune hanno fatto manutenzione alle videocamere della zona – ci racconta il residente di via Vecchi -. Dal ché deduco che, evidentemente, qualche segnalazione in merito è arrivata".

Emergono, come detto, anche i casi di piccoli furti, anch’essi a ritmo quasi quotidiano, anche all’interno dell’ipermercato che sorge su via Sani. Microcriminalità spiccia, in cui vengono rubati cibo e beni simili. La ricetta perfetta per destare allarme sociale e consolidare un degrado cui quella stessa zona non è nuova.

Nicola Bonafini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?