Scandiano (Reggio Emilia), 8 settembre 2018 - In un caso si era presentato davanti all’abitazione dell’ex fidanzata armato di coltello, proferendo minacce gravi, anche di morte verso la donna e i suoi familiari. Un uomo di 35 anni è stato colpito da ordine di custodia cautelare del sostituto procuratore Maria Rita Pantani, tramutato in arresti domiciliari. Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri di Scandiano.

Molestie, minacce gravi e atti persecutori sono le accuse. Risulta aver molestato l’ex fidanzata, di 28 anni, tanto da procurarle un grave stato d’ansia e di paura, costringendola a limitare le uscite e a cambiare utenza telefonica. Molestie e minacce consistite nell’inviarle anche di notte ossessivi messaggi offensivi e con gravi minacce di morte del tipo “ti sfregio la faccia”, “ammazzo te e la tua famiglia”. Si era anche presentato in piena notte all’abitazione della donna, sempre con atteggiamenti minacciosi, poi segnalati alle forze dell’ordine che hanno avviato gli accertamenti. Gravi condotte delittuose quelle ravvisate a carico del 35enne alla base del provvedimento restrittivo che ha portato agli arresti domiciliari dell’uomo, in attesa di nuove disposizioni dell’autorità giudiziaria.