Un altro caso di stalking
Un altro caso di stalking

Reggio Emilia, 26 dicembre 2018 - La fine del suo matrimonio lo ha reso violento, trasformandolo in uno stalker per l’ex moglie, alle prese con continue vessazioni, telefonate, messaggi, perfino minacce di morte in presenza di familiari. Un atteggiamento che ha fatto finire nei guai un quarantenne residente nella Bassa Reggiana, diventato un incubo per la donna. I carabinieri di Fabbrico, che hanno indagato sulla vicenda, hanno denunciato l’uomo alla magistratura. E il giudice per le indagini preliminari ha deciso di applicare la misura cautelare del divieto di dimora nel paese di residenza della donna, il divieto di avvicinamento all’abitazione e da qualunque altro luogo da lei frequentato.

In ogni modo, ha l'obbligo di mantenere comunque una distanza di almeno 500 metri dalla donna e vietandogli di comunicare con lei attraverso qualsiasi mezzo. Inizialmente la situazione sembrava essersi tranquillizzata, con i comportamenti molesti si erano via via esauriti. Ma da settembre la situazione si è fatta nuovamente critica, tanto da indurre l’ex moglie a tornare dai carabinieri, segnalando atti persecutori, che a fine novembre si erano trasformati in violenza, con lesioni personali aggravate, in seguito a un “agguato” avvenuto sotto casa della donna, la quale in quell’occasione aveva riportato traumi guaribili in una decina di giorni.