Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
30 apr 2022

Tari, il Comune cancella rata di luglio

Dimezzata la tassa rifiuti per alcuni degli esercizi pubblici più colpiti dagli stop legati alla pandemia

30 apr 2022
Il sindaco Emanuele Cavallaro
Il sindaco Emanuele Cavallaro
Il sindaco Emanuele Cavallaro
Il sindaco Emanuele Cavallaro
Il sindaco Emanuele Cavallaro
Il sindaco Emanuele Cavallaro

Niente rata di luglio della tariffa rifiuti a Rubiera per bar, ristoranti, associazioni, palestre, cinema, alberghi, agenzie viaggio: il Comune ha infatti deciso, in questi casi, di dimezzare la tassa per il 2022.

"In un anno particolarmente difficile – annuncia il sindaco Emanuele Cavallaro – abbiamo cercato di fare uno sforzo straordinario alleggerendo in particolare chi si trova, dopo due anni di Covid, in difficoltà. Ci sono già le bollette da pagare. A fronte di un aumento che ci è stato richiesto da Atersir di 103mila euro su 2,3 milioni di costi del servizio, abbiamo varato oltre 200mila euro di incentivi per sterilizzare il potenziale aumento. 23mila euro derivano dai maggiori dividendi di Iren che così possono essere ‘ridistribuiti’ in particolare sulle fasce più deboli della popolazione e 134mila euro sono fondi Covid che abbiamo tenuto da parte e possono essere specificatamente utilizzati per aiutare alcune categorie di attività".

Bar, ristoranti, associazioni, cinema, palestre, alberghi e agenzie di viaggio saranno dunque esentati dal pagamento della prima rata della Tarip. Agevolazioni importanti pure per le famiglie: sale a 12.500 euro la soglia Isee sotto la quale si ha il 100% di esenzione dalla quota variabile della tariffa. Situazione invariata per tutti gli altri (con variazioni dal -1 al +0.5% a seconda dei casi particolari). Negozi, edicole, parrucchieri, fioristi si vedranno invece applicato uno sconto del 25%, pari a metà della prima rata. Confermata l’esenzione per tre anni dalla tariffa rifiuti per chi apre una nuova attività in centro storico.

"Alle restanti – prosegue Cavallaro – categorie non domestiche, non agevolabili per legge con i fondi Covid, resta un aumento del 2% che se calcoliamo però al netto del recupero dell’Iva arriva all’1,8%, pari all’inflazione programmata". Anche per quest’anno, in merito alle utenze, è previsto il doppio sconto all’isola ecologica: conferire una lavatrice vale 23 euro con segno meno in bolletta, una lampadina 30 centesimi. "In questi giorni – evidenzia Cavallaro – si parla tanto di una tassa in costante aumento. Sono andato a recuperare le tabelle del 2018, prima che cambiassimo sistema di raccolta e tariffazione, confrontandole con quelle di quest’anno. Oggi le famiglie pagano meno di allora a Rubiera".

Matteo Barca

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?