Quotidiano Nazionale logo
16 apr 2022

Tenta il furto in un bar del centro, divieto di dimora in provincia

Ha tentato il furto in un locale in pieno centro, ma l’allarme e il rapido arrivo delle volanti della questura hanno evitato che il colpo andasse a segno. Ai gestori sono rimasti però i cocci da raccogliere e qualche seccatura: "Dopo il blitz, avvenuto alle 2 della notte di giovedì, mio marito è dovuto rimanere a dormire dentro il bar". Lo racconta Serena Zanzanelli, titolare del ‘Caffè e tabacco’, sotto i portici di via Emilia San Pietro, al civico 21: "Un disperato ha preso uno degli ombrelloni che teniamo fuori, nella distesa, e lo ha usato per tentare di sfondare la vetrina". L’uomo non è però riuscito ad aprirsi un varco per entrare: "La porta d’ingresso si è rovinata solo nella parte inferiore, ma senza che si aprisse un’apertura. In contemporanea con l’effrazione, è scattato l’allarme del nostro locale, che è collegato alla centrale operativa della questura, e poco dopo è arrivata la polizia". Il presunto responsabile della spaccata è stato subito fermato e identificato: per lui è scattato l’arresto per tentato furto aggravato. L’uomo, originario di Napoli, si chiama Giovanni Caiazza e ha 40 anni. Da quanto trapela, vivrebbe una condizione di difficoltà: dorme nella stazione. Difeso dall’avvocato Vainer Burani, è comparso ieri mattina in tribunale, davanti al giudice Chiara Alberti (foto). l pm ha chiesto la misura cautelare degli arrestj domiciliari. Il giudice ha convalidato l’arresto e ha disposto il divieto di dimora nella provincia di Reggio.

al. cod.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?