Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 mag 2022

Un altro pericoloso incendio nell’ex stabilimento Montanari

Nei capannoni inagibili bivacchi e giacigli di fortuna. Ingombro di rifiuti il piazzale . che radunava i giocatori di cricket

19 mag 2022
La struttura fatiscente e l’intervento dei giorni scorsi dei vigili del fuoco
La struttura fatiscente e l’intervento dei giorni scorsi dei vigili del fuoco
La struttura fatiscente e l’intervento dei giorni scorsi dei vigili del fuoco
La struttura fatiscente e l’intervento dei giorni scorsi dei vigili del fuoco
La struttura fatiscente e l’intervento dei giorni scorsi dei vigili del fuoco
La struttura fatiscente e l’intervento dei giorni scorsi dei vigili del fuoco

Gli ampi spazi ormai abbandonati e in disuso da tempo dell’ex stabilimento Montanari Legnami, a Villarotta di Luzzara, troppo spesso si trasformano in luoghi per bivacchi abusivi di stranieri clandestini e senzatetto. Nonostante la recinzione e gli accessi sbarrati con cartelli che informano del rischio di crolli e della inagibilità degli edifici, soprattutto dalla primavera in poi, quando la copertura degli spazi viene ritenuta sufficiente come riparo di fortuna.

Un fenomeno da tempo segnalato dai cittadini, talvolta risolto provvisoriamente dai controlli delle forze dell’ordine, salvo poi tornare di attualità nell’arco di breve tempo. Come dimostra pure l’incendio verificatosi nei giorni scorsi, con l’intervento dei vigili del fuoco per domare le fiamme prima che potessero estendersi ulteriormente ai vari capannoni.

L’incendio sarebbe legato alla presenza di bivacchi di fortuna, ovviamente abusivi e non autorizzati, visto che le strutture risultano essere inagibili. In passato il fenomeno era stato contrastato dalla presenza di giovani appassionati di cricket, che utilizzavano il grande piazzale dell’ex azienda per giocare, con la loro presenza a scoraggiare l’arrivo di clandestini. Ma ora, con il piazzale pieno di rifiuti e detriti vari, quello spazio all’aperto non viene più usato come in passato.

Antonio Lecci

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?