Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
25 mag 2022

Un premio per la legalità ai ragazzi Il riscatto della scuola Dalla Chiesa

La classe IIID, con un video e una canzone ideati dagli studenti, ha vinto un progetto voluto dal Ministero

25 mag 2022

di Giulia Beneventi

È la rivincita della scuola media Dalla Chiesa. Nella stessa struttura teatro di diversi atti vandalici l’inverno scorso, proprio ieri è stata premiata una classe per la sua attenzione e sensibilità nei confronti di temi non facili, come l’educazione civica e la legalità. In qualità di vincitori in scala locale di “PretenDiamo Legalità“, un progetto voluto dal Ministero dell’Interno in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, i ragazzi della terza D della Dalla Chiesa entrano ufficialmente in lizza per le selezioni nazionali.

Il senso di questa iniziativa è quello di educare alla legalità, partendo proprio dalle voci, impressioni e pareri dei ragazzi. Gli studenti sono stati chiamati ad esprimere ciò che sentono e pensano sul tema in diversi elaborati: nel caso della terza D, si tratta di un video che raccoglie le testimonianze degli alunni stessi, con una ’soundtrack’ particolare.

È infatti la canzone autobiografica “La mia vita“, scritta da Ahmed, uno studente della classe vincitrice, a fare da sottofondo all’elaborato video. Ai ragazzi è stato consegnato un questionario su argomenti ’caldi’ del bullismo, il bodyshaming, il disagio giovanile e il fenomeno delle baby gang. Da lì sono nati diversi momenti di dibattito in classe, che hanno portato allo sviluppo del video anche grazie al coordinamento della professoressa Roberta Grassi.

La scuola Dalla Chiesa negli ultimi mesi è andata incontro a diverse situazioni spiacevoli "che comunque non rappresentano dei connotati di questo istituto – specifica subito la dirigente, Teresa Pullia –. I ragazzi sono stati chiamati a riflettere, in classe, per dare un senso a questi eventi".

Episodi che sono una spia d’allarme per un disagio, nei giovani, che dopo la pandemia si fa sempre più forte. "Hanno bisogno di essere indirizzati, guidati – aggiunge la dirigente –. Come scuola abbiamo chiesto e ottenuto supporto, dalle famiglie ma anche dalle istituzioni. Oggi però è un giorno di festa: è la dimostrazione che questi ragazzi conoscono i valori del rispetto e della legalità".

Ad alzare il premio, consegnato direttamente dal questore di Reggio, il dottor Giuseppe Ferrari, è stato proprio Ahmed, realizzatore della colonna sonora del video, con tanto di ovazione da parte di tutti i compagni sugli spalti. Nella commissione che ha valutato l’elaborato vincitore c’erano, oltre al questore Ferrari, anche il provveditore della provincia reggiana, Paolo Bernardi. "Noi effettuiamo controlli e monitoraggi su tutti gli istituti – ha commentato il questore Ferrari –. Premiare proprio una classe di questa scuola è segno del fatto che i valori della legalità in questo istituto vengono avvertiti chiaramente".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?