Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

"Vanno considerati gli interessi di tutti: per questo dico che il mercato non va spostato"

Il consigliere Santoro: "I banchi in centro andavano bene in passato"

"I cambiamenti vanno fatti mediando gli interessi di tutti, nessuno escluso". A dichiararlo è il consigliere comunale di minoranza Angelo Santoro intervenendo nuovamente nel dibattito sulle polemiche per il mercato settimanale di Scandiano. Proprio oggi, come annunciato nell’edizione di ieri, si terrà l’atteso incontro tra Comune e associazioni di categoria sulla questione della collocazione del mercato del lunedì, ospitato nell’area disposta nel maggio del 2020 presso il parcheggio adiacente i capannoni Ente Fiera. Santoro nei giorni scorsi aveva già evidenziato con che il "mercato non va spostato".

Di parere opposto invece la presidente del circolo scandianese di Fratelli d’Italia: Elena Diacci, dopo le lamentele di molti commercianti, aveva infatti chiesto al Comune di ripristinarlo nel centro storico nell’area utilizzata prima dell’emergenza sanitaria.

Santoro intanto sottolinea che quando nelle "scorse amministrative l’opposizione propose di spostare il mercato di pochi metri lo fece per trovare un equilibrio tra le esigenze dei residenti, commercianti, ambulanti, la sicurezza dei cittadini e la possibilità per i clienti di poter fare gli acquisti in un luogo più confortevole. L’idea che tutto dovesse essere concentrato nella parte storica della città andava bene negli anni passati, ma oggi la società è cambiata e bisogna tenere conto delle necessità di tutti".

Santoro rimarca che nella mattinata del lunedì gli abitanti sono "condizionati da un traffico particolarmente intenso e non si lamentano per contribuire al bene collettivo, gli stessi commercianti non avranno i banchi appena fuori dal negozio come prima, ma possono lavorare mentre le persone vanno al mercato dopo aver parcheggiato in centro. Il mercato inizia in via XXV Aprile, appena poche decine di metri da via Vallisneri dove una volta gli ambulanti montavano i banchi. Ambulanti che ora possono esporre più comodamene le loro merci potendo usufruire di uno spazio più ampio, spazio che permette una maggiore circolazione in sicurezza dei clienti". Per il consigliere Santoro inoltre il Covid è "sempre dietro l’angolo e dovrebbe averci insegnato che è opportuno mantenere un comportamento prudente. Ma dove sta scritto che per vendere un caffè in più il cliente debba parcheggiare l’auto dentro al bar?".

Matteo Barca

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?