Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Reggio Emilia, nasconde la madre morta per mesi. Poi si spara

Cadelbosco, il figlio, disoccupato di 53 anni, non voleva perdere la pensione. Ma giorni fa i carabinieri hanno chiesto un controllo

di ANTONIO LECCI
Ultimo aggiornamento il 12 febbraio 2019 alle 18:23
La casa dove è avvenuta la doppia tragedia (foto Artioli)

Cadelbosco Sopra (Reggio Emilia), 12 febbraio 2019 – La credevano ospite di un’amica del figlio, nel Modenese, mentre la pensionata Adriana Caffarri, 81 anni, che abitava in via Gabella a Cadelbosco Sopra, era morta da mesi nella sua casa. L'ultima volta che è stata vista viva sarebbe stato a giugno scorso. A vegliarla era il figlio, Mauro Culzoni, un disoccupato di 53 anni. Pure lui è stato trovato privo di vita nella casa di via Gabella, nella tarda mattinata, dopo la segnalazioni di alcuni vicini che si erano insospettiti dall’assenza di ogni minimo movimento in quell’immobile.

Sono stati chiamati i vigili del fuoco per aprire la porta. In casa c’erano i due corpi, quelli di madre e figlio, ormai privi di vita. La donna era deceduta mesi fa per cause naturali, mentre il figlio si è tolto la vita probabilmente domenica, sparandosi con un’arma da fuoco, regolarmente detenuta nell’abitazione. L’uomo avrebbe cercato di nascondere il decesso della madre nel tentativo di non perdere l’erogazione della pensione, che rappresentava la principale fonte di sussistenza per quella famiglia.

Nei giorni scorsi, insospettiti dalla perdurante assenza della pensionata (le cui condizioni di salute erano state segnalate già critiche lo scorso giugno), i carabinieri di Cadelbosco Sopra avevano chiesto al figlio di portarla in caserma per un saluto. Il figlio aveva garantito che lo avrebbe fatto. Ma in caserma non si è mai presentato.

In mattinata la decisione di effettuare un controllo nell’abitazione, scoprendo che madre e figlio erano deceduti. I due corpi sono stati composti al cimitero di Coviolo, in attesa delle disposizioni della magistratura.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.