Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 apr 2022

Viola i domiciliari quattro volte: incarcerato

L’ultimo episodio è stato la domenica di Pasqua: i carabinieri hanno trovato il 49enne fuori da un bar, lui ha anche provato a scappare

19 apr 2022

Ha violato per tre volte i domiciliari nell’arco di un mese circa, poi è finito in carcere. La vicenda che riguarda il 49enne Gianni Natale e la sua perseveranza nel non rispettare le misure restrittive, si è conclusa due giorni fa, la domenica di Pasqua, quando è stato ’pizzicato’ fuori da un bar, in città. Natale ha anche provato a fuggire ma non è servito: a quel punto per lui è scattata l’incarcerazione.

Facciamo un passo indietro: la prima volta è stata il 12 marzo scorso. Dopo diverse condanne a suo carico, l’ultima nell’ordine era per reato di stalking, Gianni Natale viene sottoposto a sorveglianza speciale. La regola era quella di rimanere in casa tassativamente dalle 22 di sera fino alle 6 del mattino. La sera del 12 marzo però viene sorpreso da una volante vicino a piazzale Tricolore, quindi lontano da dove vive. Tempo dopo, un pomeriggio, viene di nuovo rintracciato ma stavolta è a Parma: lui però ha l’obbligo di dimora a Reggio. Dopo quest’altra uscita parte il provvedimento - di nuovo - dei domiciliari per la durata di un anno.

Il terzo episodio avviene la sera del 9 aprile scorso. I carabinieri lo trovano in via Beretti e come da prassi parte l’arresto per evasione. "Sono uscito perché avevo una crisi d’ansia": così Natale ha motivato, davanti al giudice Chiara Alberti, la violazione messa in atto. Anche dopo questo episodio è stato convalidato l’arresto e sono stati predisposti, di nuovo, i domiciliari.

Tutto riporta infine alla sera della domenica di Pasqua: un equipaggio della sezione radiomobile, durante un servizio di controllo del territorio, ha verificato l’assenza di Natale da casa sua. Hanno poi rintracciato l’interessato nel centro città, fuori da un bar. Alla vista dei militari il 49enne ha cercato di scappare, venendo tuttavia raggiunto e bloccato dagli operanti. Natale è stato poi portato in caserma dove, alla luce della condotta illecita accertata e considerata la flagranza di reato, veniva dichiarato in arresto per il reato di evasione e, stavolta, incarcetato a disposizione della Procura reggiana. Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per i consueti approfondimenti investigativi al fine di consentire al Giudice di verificare l’eventuale piena responsabilità dell’indagato.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?