Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

West Nile, altri tre casi a Reggio Emilia. Due scoperti dalle donazioni

Lo conferma il report della sanità: 4 ammalati in provincia

di DANIELE PETRONE
Ultimo aggiornamento il 14 settembre 2018 alle 14:30

Reggio Emilia, 8 settembre 2018 - Altri tre casi di West Nile a Reggio che salgono dunque complessivamente a quattro. È quanto emerge dal report regionale stilato dall’Ausl sulla malattia trasmessa dalla zanzara comune che sta terrorizzando soprattutto l’Emilia-Romagna e il Veneto dove si sono verificati addirittura dei decessi. 

E nella nostra provincia ne sono spuntati altri tre rispetto all’unico caso (contagiato dopo una vacanza al mare) comunicato dall’azienda sanitaria locale proprio pochi giorni fa. Per confermare i casi occorre sempre attendere le analisi di laboratorio. Ecco perché evidentemente ancora non era stato reso noto.

FERRARA Sei morti di West Nile - BOLOGNA Sono 11 le persone ricoverate

Occorre però fare le dovute distinzioni sui quattro casi. Due di questi sono conclamati. «Si tratta di West Nile non di tipo neuro-invasivo – spiega Mauro Grossi, direttore del dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl di Reggio – E dunque non sono in pericolo di vita. Inoltre, non si tratta di persone anziane e questo aiuta il decorso della malattia. Anzi, possiamo dire che sono in miglioramento». 
Mentre gli altri due sono casi scoperti grazie alle sacche di sangue versato dai donatori. «Da aprile a ottobre si innesca un meccanismo di controllo accurato – spiega Grossi – come d’altronde c’è sempre, ci tengo a sottolinearlo, sulle donazioni. Grazie alle analisi, abbiamo appurato la presenza del virus in due persone a Reggio».

Donatori che però non sono affatto in pericolo. «È come se fossero immunizzati avendo sviluppato gli anticorpi della malattia col contatto delle immunoglobuline a contatto col virus West Nile – conclude Grossi – L’unico modo che avrebbero per trasmetterlo è attraverso le trasfusioni. Ma chi riceve e chi dona sangue stia tranquillo, perché i controlli sono sicuri. Non c’è alcun pericolo proprio perché la prevenzione è fondamentale».

Restando in tema di prevenzione, purtroppo la Culex, ossìa la zanzara nostrana è diffusa ovunque ed è praticamente ineliminabile. Proprio la zanzara comune è vettore del virus West Nile – e non la zanzara tigre come si tende a pensare spesso nell’immaginario comune che invece trasmette altri tipi di malattie come ad esempio la Dengue (un caso si è verificato pochi mesi fa nel Comune di Guastalla, contratta da una signora rientrata da un viaggio in un paese tropicale) – trovando un ospitale serbatoio negli uccelli selvatici. 

Ma la lotta tempestiva alle larve coi trattamenti sia da parte del Comune in tombini e luoghi pubblici sia da parte dei privati nei propri cortili di casa, è comunque un’ottima prassi, come spiegano gli esperti. Gli appositi kit si possono trovare anche in farmacia o è possibile richiederli a Iren. 

LEGGI ANCHE West Nile, Venturi: "Serve una lotta più efficace alle zanzare"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.