Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Sfumati tutti i risparmi di una vita: "Li avremmo dati ai nipoti"

La coppia di pensionati vittima del crac: "E Poletti parla di calcetto..."

di MIKE SCULLIN
Ultimo aggiornamento il 1 aprile 2017 alle 08:56
La coppia

Reggio Emilia, 1 aprile 2017 - Da un giorno all’altro sparisce tutto. Uno schiaffo inaccettabile, la liquidazione coatta di Unieco coi risparmi del prestito sociale, cifra tra i 15 e i 20mila euro, evaporati. Eccole due vittime. Sono una tipica coppia della sempre più impoverita e defraudata middle class nostrana. Ordene, il marito originario di Prato di Correggio, la moglie Renata nativa di Parma, innamorati tutti e due dell’idea di cooperazione, al punto che lei, quando andò in pensione da Unieco, accettò di presiedere una piccola cooperativa sociale a Baragalla, «Mara», che seguiva con passione un gruppo di portatori di handicap: ma esperienza frustrante, alla fine, perché Renata la dovette chiudere quattro anni dopo con la liquidazione coatta, proprio come Unieco adesso.

Le aziende non assegnavano più lavori di assemblaggio fuori fabbrica, a Renata è rimasto il volontariato gratis et amore dei nell’associazione Lo Scoiattolo: ha creato una piccola realtà per i disabili che ha visto invecchiare davanti a lei, «A scuola da Renata», uomini e donne con problemi psichici e fisici che hanno a casa genitori anche di ottanta, novant’anni «e meno male che l’assessore Sassi ci ha dato una mano con l’Ovile». Devono stringere la cinghia, adesso, Ordene Fornaciari e la moglie Renata Menozzi, ex dipendenti storici di Unieco, lui geometra di 68 anni, gasdotti tangenziali e acquedotti nel curriculum, lei 66enne, già segretaria ai servizi generali, conosceva i soci uno a uno, «e mi è crollato molto, tutto intorno». Appartamento all’Orologio, decenni a lavorare in cooperativa prima di andare in pensione tra il 2008 e il 2009 «con ancora il regime retributivo, per fortuna». Lui con un assegno mensile di 1.700 euro e lei con 1.300.

Senza risparmi, di punto in bianco. Ingiustizia patita da tanti.

Ordene: « C’è gente che in Unieco ha lasciato molto più di noi, e se pensiamo a chi nella cooperativa lavorava e ora resta a casa... Ci sono mariti e mogli entrambi dipendenti, con figli e mutuo da pagare, all’improvviso senza occupazione a 45-50 anni: come fanno adesso? Abbiamo pensato a loro, prima che a noi».

Renata: «E pensi all’indotto, agli artigiani. Noi non abbiamo figli. Ma avremmo dei nipoti da aiutare. Buonanotte. Non siamo giovani, diventiamo vecchi e dobbiamo pensare al nostro futuro. E andrà a finire che dovremo pagare pure le spese sanitarie».

Cosa non ha funzionato, in cooperativa? Si dà la colpa di tutto all’ex presidente Casoli.

Ordene: «Lo so. C’erano 36 dirigenti, dicono a Unieco, una cosa aberrante la ritengo io. Si promuoveva, così si creava consenso, cosa generalizzata nella cooperazione. E ci fu poca lungimiranza nel 2008 2009-2010: credevano di saltarci fuori, vedevo facce nuove, si continuava ad assumere. Ben vengano facce nuove, i giovani, però... Ma guardiamo anche i soci. La cooperativa per me è uno specchio della società. Se non c’è partecipazione attiva.. Andavo alle assemblee come socio onorario. È un’anomalia che Casoli sia stato lì per vent’anni con attorno un gruppo più o meno accondiscendente. È che il resto dei soci se ne fregava, li sentivi nei corridoi che spaccavano il mondo, ma alle assemblee nessuno parlava».

Cosa voteranno i soci prestatori di Unieco e delle altre cooperative alle prossime elezioni secondo voi?

Renata: «Parlo per me. Io vado a votare perché è un mio diritto, ma davvero non saprò chi votare. E se continuiamo a non votare prima o poi ci tolgono il diritto al voto. I Cinque Stelle? Ma ne ha sentito uno intervenire?»

Ecco, come si sono mossi i politici dopo la liquidazione coatta?

Renata: «Poletti. Ha detto qualcosa? È stato il presidente della Lega nazionale fino a che non è stato fatto ministro. È il ministro del lavoro. Chi vuole che parli?»

Ordene: «Già Poletti, ha detto che bisogna giocare a calcetto per trovare lavoro. E ha parlato il nostro sindaco, lui che viene dalla cooperazione? E la Lega cooperative cosa ha fatto. Solo dire: ‘signori, dovete fallire’».

Renata: «Una volta ci dicevano: quelli sono in difficoltà, salvateli e noi di Unieco li aiutavamo. Quando è toccato a noi, ci ha dato un calcio in faccia».

Ordene: «La sa la verità? Ha prevalso l’io sul noi, che va tanto di moda nel Pd»

Renata: «E basta scrivere coop rosse. Di rosso non c’era più niente».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.