Graziano Delrio
Graziano Delrio

Reggio Emilia, 5 marzo 2018 - Conquista il proprio seggio alla Camera Graziano Delrio a Reggio Emilia. Il ministro dei Trasporti Graziano Delrio ha tenuto nella sua città, nonostante il crollo del Pd. Cade invece in Emilia il ministro Dem Dario Franceschini a Ferrara e il ministro, Claudio De Vincenti, candidato a Sassuolo, sconfitto dalla reggiana Benedetta Fiorini nome di spicco di Forza Italia. 

Antonella Incerti (Pd) risulta eletta alla Camera dei deputati nel collegio uninominale di Scandiano. 

Questi i dati sui risultati elettorali ormai verso il finale. In provincia di Reggio Emilia, per quanto riguarda i collegi uninominali di Camera e Senato. Nel reggiano per palazzo Madama si afferma in testa la deputata uscente del Pd Vanna Iori, con il 32,8% dei consensi. A seguire la leghista Claudia Bellocchi (31,5%) e la candidata del M5s Maria Laura Mantovani (27,2%).

Alla Camera  non delude il risultato del ministro uscente Graziano Delrio, (35,9% dei voti), seguito dalla deputata reggiana Maria Edera Spadoni (28,4%) e dalla candidata del centrodestra Agnese Zaghi (25,8%). Molto staccato, con il 5,4%, il candidato di Liberi e Uguali, l'assessore reggiano Mirko Tutino.

LEGA NORD. Festeggia a Reggio Emilia, Gianluca Vinci, eletto con il partito di Salvini alla Camera. "Gli elettori hanno toccato con mano la nostra capacità di amministrare da Piacenza a Ferrara. In Parlamento faremo gli interessi di queste terre, spesso dimenticate dal Pd", scrive in una nota l'esponente del Carroccio.

"Il grande risultato ottenuto in Emilia- afferma Vinci - è la dimostrazione che abbiamo lavorato bene sul territorio con i nostri amministratori. Infatti, abbiamo stravinto nelle province di Piacenza, Parma, Ferrara e Modena, dove governiamo. Gli elettori hanno toccato con mano la credibilita' delle nostre proposte, dandoci il massimo consenso. In Parlamento faremo gli interessi di questa terra, troppo spesso dimenticata dai parlamentari del Pd".

MOVIMENTO 5 STELLE. "Sono davvero entusiasta del risultato del M5s nel collegio di Reggio Emilia dove il M5s vola al 28,44%. Questa grande risposta proveniente dalle urne conferma il fatto che il M5s non rappresenta  assolutamente un voto di protesta e che, dopo cinque anni, si riconferma sul territorio e a livello nazionale con grande forza e slancio". A dirlo è la deputata reggiana uscente Maria Edera Spadoni che si avvia probabilmente ad un secondo mandato con i voti proporzionali. "I cittadini- prosegue Spadoni- hanno capito benissimo che abbiamo una grande credibilita' frutto di un duro lavoro di questi anni in Parlamento e sul territorio".

Questo "risultato- aggiunge la parlamentare - e' il frutto di un grandissimo gioco di squadra dove tutti noi, candidati, portavoce, attivisti, staff ci siamo messi in gioco nell'obiettivo di dare al nostro Paese finalmente, dopo tanti anni di mala politica, la possibilità di riscatto". E ancora, dice Spadoni: "Per anni in opposizione abbiamo avuto il coraggio di denunciare, di fare nomi e cognomi, di fare proposte, di ottenere importanti risultati sia in Parlamento che nei Consigli comunali e di portare le istanze dei cittadini nelle istituzioni. Questo grande lavoro è stato riconosciuto e premiato". Ma "non è il momento di auto-elogiarci- conclude Spadoni - questo è il momento per rimboccarci le maniche ancora di piu' per il bene della nostra citta' e del  nostro Paese. Dobbiamo continuare su questa direzione con sempre piu' energia ed entusiasmo. La fiducia che i cittadini ci hanno dimostrato non sara' mai disattesa".

I dati definitivi di affluenza al voto dicono che a Reggio e provincia è andato a votare il 79,23% degli aventi diritto per il Senato, e il 78,99% per la Camera. Dati in calo rispetto all'ultima tornata elettorale, quando per il Senato voto' l'83,67% e per la Camera l'83,56%. A livello nazionale il dato di affluenza e' al 73%, in calo di due punti percentuali.

Tutti i risultati in Emilia Romagna e a Reggio Emilia e provincia: Senato - Camera

Tutti i risultati nazionali: Senato - Camera

Come funziona il Rosatellum. La legge elettorale spiegata bene

Come i voti diventano seggi

image