Gualtieri, il set del film su Antonio Ligabue
Gualtieri, il set del film su Antonio Ligabue

Reggio Emilia, 6 giugno 2018 – Set praticamente “blindati”, quelli per la registrazione di alcune scene della nuova serie di 'Gomorra', che andrà in onda nella primavera del 2019 su Sky Atlantic, e di 'Volevo nascondermi'. Si sono svolti in questi giorni nella Bassa Reggiana. Diverse scene di Gomorra sono state ambientate all’interno della sede della discarica Sabar, a San Giovanni di Novellara.

Ieri sono state effettuate riprese dall’alto, col drone, più qualche scena esterna, verso la strada, che ha tenuto impegnati gli agenti di polizia municipale per eventuali deviazioni del traffico. Non c’erano gli attori principali. Previste anche riprese verso la tangenziale di Bagnolo e i ponti di Calatrava a Reggio. Alcune scene sono girate anche a Bologna e a Londra, oltre che a Napoli.

Gomorra, ciak si gira a ‘Modena 2’

In Sabar si gira Gomorra

Sempre ieri, e fino alle prime ore di oggi, sono proseguite a Gualtieri pure le riprese di “Volevo nascondermi”, film in fase di preparazione diretto dal regista Giorgio Diritti e dedicato alla vita di Antonio Ligabue, l’artista nato in Svizzera ma vissuto a lungo proprio a Gualtieri. A prestare il volto all'artista è l’attore Elio Germano, la cui figura in scena è straordinariamente somigliante a Toni Ligabue.

Ieri è stata completamente svuotata piazza Bentivoglio, chiusa al traffico fin dal mattino, togliendo perfino i cartelli stradali, panchine e depositando ghiaia su parte dell’area per ridarle l’antico aspetto, ricreando l’ambiente degli anni Cinquanta. In serata e nella notte sono state girate alcune scene sotto i portici, con le riprese continuate pure nella zona del cimitero gualtierese.

Intanto, prosegue il cast per cercare comparse e attori: sabato dalle 10 alle 13 il casting è aperto alla sala consiliare del municipio di Boretto, mentre domenica 10 giugno, sempre dalle 10 alle 13, i provini si svolgono al circolo Arcobaleno a Santa Croce di Carpi. Il casting, a cura di Brenda Civico e Alessandro Morea, è aperto a uomini e donne da 18 a 70 anni, senza tatuaggi, senza piercing o tagli moderni di capelli. Si cercano anche giocolieri professionisti. Portare con sé carta d’identità, codice fiscale, codice Iban. Esclusi i dipendenti pubblici. Occorre inoltre essere residenti o domiciliati in Emilia-Romagna.