Filippo Ganna in maglia rosa: è uno dei grandi big del Giro d'Italia 2021
Filippo Ganna in maglia rosa: è uno dei grandi big del Giro d'Italia 2021

Reggio Emilia, 10 maggio 2021 - Per la nona volta (e a distanza di quattro anni dall’ultimo passaggio) il Giro d’Italia torna a colorare le strade reggiane. Lo farà domani, nella Piacenza-Sestola (187 chilometri, 1.800 metri di dislivello, difficoltà 3 su 5), quarta tappa della edizione numero 104 della mitica corsa rosa, partita da Torino; lo farà nel "percorso dei castelli Matildici" come ha ribadito il presidente della Provincia Giorgio Zanni; soprattutto, lo farà potendo contare sull’affetto del pubblico, che potrà essere regolarmente a bordo strada a tifare Nibali e compagni.
 

Giro d'Italia in provincia di Reggio Emilia, il percorso

La partenza è a Piacenza alle 12,05. Il sito ufficiale del Giro ha stabilito una tabella di percorso, basandosi su un range di velocità media che va dai 36 ai 40 chilometri orari. Per comodità considereremo l’esatta mediana, ovvero i 38 all’ora. Ecco allora che il passaggio sul territorio reggiano avverrà alle 14,11, con l’arrivo a San Polo d’Enza, chiudendosi 50 chilometri più tardi al Ponte Dolo che segna il confine con Modena. La nostra provincia sarà anche lo spartiacque di una normale (fin lì) tappa pianeggiante: i successivi 108 chilometri di saliscendi fino a Sestola regaleranno infatti il primo arrivo in salita del Giro. Passato il centro di San Polo la carovana arriverà a Ciano alle 14,17 imboccando la superstrada 513R; poi svolta a sinistra sulla sp 54 per salire verso Rossena (14,28), dove si potrà gustare il primo traguardo volante di giornata: di base, punti in palio nella lotta per la maglia ciclamino di miglior velocista, che sarà poi incoronato a Milano il 30 maggio.

"La salita ha tornanti ampi con poca vegetazione, perfetto per chi vuole seguire da vicino i corridori" il consiglio di Giorgio Zanni, che nei giorni scorsi ha ‘testato’ il percorso in compagnia del celebre deejay reggiano Benny Benassi. Proseguendo sulla sp 54 si passa da Vercallo (14,37) e La Stella (14,43). Il percorso reggiano a quel punto entrerà nel vivo: si arriva in centro a Casina spostandosi sulla sp 11 alle 14,48, poi, svoltando a destra, la carovana percorrerà la vecchia statale 63 lungo via Monte Portola, strada in salita ampia e perfettamente riasfaltata. Da lì svolta a sinistra su via Carezza per la splendida picchiata verso il Cigarello (14,57), da cui prende il nome la successiva salita: 3.800 metri che passando da Carpineti (15,02) immettono sulla strada verso il castello, un durissimo strappo di quasi 2 chilometri con pendenza media del 10% (e massime del 14%) ad arrivare al punto più alto sul territorio reggiano, a quota 780 metri. Qui ci sarà anche il traguardo del primo gran premio della montagna di giornata che invece garantisce punti per la maglia azzurra di miglior scalatore. Raggiunta la meta si inizia la discesa di 7 chilometri fino a Ponte Secchia (15,25), prima di salutare Reggio con Ponte Dolo (15,31), che coincide anche con il quinto comune interessato dal percorso, ovvero Toano.

Chiusura strade e raccomandazioni

Rispetto agli orari indicativi di passaggio, la viabilità sarà interrotta al traffico "circa due ore prima" prosegue Zanni, ma il presidente dell’ente provinciale ribadisce che "cercheremo di ridurre al minimo il disservizio per gli automobilisti: sarà possibile riaprire momentaneamente la strada per esigenze particolari".

Come detto, però, non ci saranno restrizioni specifiche per il pubblico. Sempre ricordando il periodo in cui viviamo: "Valgono le solite regole: distanziamento, mascherina ed evitare assembramenti – chiosa Zanni -. La salita del castello di Carpineti è lunga due chilometri per esempio: evitiamo di ammassarci tutti all’arrivo".

Infine la Provincia ha messo sul piatto 450mila euro per riasfaltare le strade interessate dal Giro. Ma l’ente ribadisce come fossero "interventi già programmati che abbiamo solo anticipato in vista dell’evento".

Giro d'Italia 2021 a Reggio Emilia: le strade chiuse

Sono diverse le strade che domani saranno chiuse al traffico nella nostra provincia per garantire il transito sicuro ai ciclisti del Giro d’Italia. La gara entrerà nel Reggiano a San Polo verso le 14 con le strade, compresa la SP 513R chiuse dalle 12 alle 15.

Subito dopo la corsa rosa transiterà a Ciano svoltando sulla Sp54 (chiusa dalle 12,15 alle 15,15) salendo a Rossena e arrivando a Stella dove imboccherà la Sp 11 (chiusa dalle 12,30 alle 15,20). Quindi l’arrivo a Casina con la Sp36 chiusa dalle 12,45 alle 16.

 

A Carpineti i girini proseguiranno sulla Sp 76 (chiusa dalle 12,45 alle 16) fino al Castello per svoltare poi sulla Sp19 (chiusa dalle 13 alle 16) fino a Ponte Secchia. Infine nel territorio di Toano si percorrerà la Sp 486R (chiusa dalel 13,15 fino alle 16,15).