Quotidiano Nazionale logo
6 apr 2022

Menetti, i perché dell’esonero Al suo posto ingaggiato Nicola

Il nuovo tecnico di Treviso ha giocato una gara di campionato nel 2006-07 nella Pallacanestro Reggiana

È Marcelo Nicola il successore di Max Menetti sulla panchina di Treviso. L’ingaggio dell’ex bandiera della Benetton, con cui ha vinto due scudetti da giocatore tra il 1998 e il 2004, è infatti stato ufficializzato ieri dal presidente Vazzoler. Il 50enne argentino (una partita giocata in campionato con la Pallacanestro Reggiana nella stagione 2006-07) avrà il non facile compito di traghettare i veneti alla salvezza, sprofondati al terz’ultimo posto con appena due punti di vantaggio sulla Fortitudo Bologna. Il tecnico reggiano paga invece i tanti infortuni a diversi uomini chiave e un mercato piuttosto rivedibile, in cui probabilmente non ha potuto incidere come avrebbe sperato e voluto. Per settimane si è parlato di un rinforzo che poi però - nella realtà dei fatti - non è mai arrivato. L’impressione è che nonostante un contratto fino al giugno del 2023 si fosse arrivati alla fine di un ciclo, dove spesso e volentieri si fa fatica a dirsi addio. Menetti paga per tutti, come sempre succede agli allenatori, ma resterà comunque nella storia di un club glorioso di cui ha preso il comando nel giugno del 2018 in Serie A2 e che ha poi condotto addirittura fino alla partecipazione alla Champions League. Le voci di un suo possibile ritorno in biancorosso per la prossima stagione circolavano già da diverse settimane e nelle ultime ore sono letteralmente ‘divampate’, spesso anche in maniera incontrollata. Che ‘Max’ abbia un posto speciale nel cuore di tanti tifosi biancorossi e anche in quello dell’amministratore delegato Alessandro Dalla Salda, a cui è legato anche da un profondo rapporto di amicizia, non è una novità ma è ancora molto presto per poter dire se sarà davvero lui il successore di Attilio Caja che - nonostante l’eccellente lavoro svolto fin qui - difficilmente resterà ancora al timone della Pallacanestro Reggiana dopo il 30 giugno.

Francesco Pioppi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?