Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 mag 2022

Torna Max Menetti, Caja verso Pesaro

Accordo in dirittura di arrivo (si ragiona su un biennale) per il coach 49enne: sarebbe la terza avventura alla guida di Reggio

22 mag 2022
gabriele gallo
Sport
Max Menetti, 49 anni, non ha finito la stagione a Treviso: in aprile è stato esonerato
Max Menetti, 49 anni, non ha finito la stagione a Treviso: in aprile è stato esonerato
Max Menetti, 49 anni, non ha finito la stagione a Treviso: in aprile è stato esonerato
Max Menetti, 49 anni, non ha finito la stagione a Treviso: in aprile è stato esonerato
Max Menetti, 49 anni, non ha finito la stagione a Treviso: in aprile è stato esonerato
Max Menetti, 49 anni, non ha finito la stagione a Treviso: in aprile è stato esonerato

Si va verso un clamoroso ritorno sulla panchina della Pallacanestro Reggiana. Il management biancorosso ha infatti optato per scegliere, come successore di Attilio Caja e nuovo nocchiero dell’Unahotels, Max Menetti, reggiano doc e coach degli anni più belli della storia del sodalizio cittadino di basket.

La nomina di Menetti dovrebbe essere ufficializzata intorno alla metà della prossima settimana, dopo un summit societario per sistemare gli ultimi dettagli. L’accordo però è dato in dirittura d’arrivo e per il 49enne allenatore sarebbe la terza avventura alla guida di Reggio. Menetti era già stato inserito tra i papabili quando si era capito che, nonostante l’ottima stagione disputata dalla squadra con il ritorno ai playoff dopo cinque anni e la conquista della finale di Fiba Europe Cup, Attilio Caja, in scadenza di contratto, non avrebbe ricevuto proposte di rinnovo. A proposito del coach pavese, è sulla via di Pesaro. Tuttavia almeno sino a due o tre giorni fa il nome di Menetti era in accesa competizione, per motivi diversi, con altri coach della nostra serie A. Non è un grande mistero infatti che la presidente Veronica Bartoli, grande appassionata e azionista di maggioranza della società, puntasse su Gian Marco Pozzecco, attuale vice di Messina all’Olimpia Milano. Tuttavia sull’ex giocatore della Varese scudettata e della Nazionale argento olimpico ad Atene, in società c’erano vedute diverse. Così come in seno a dirigenza e proprietà sull’ipotesi Luca Banchi: caldeggiata da alcuni nella stanza dei bottoni, ma osteggiata da altri. In questo quadro l’idea di puntare su Menetti è stata un po’ la classica quadratura del cerchio. Di conseguenza, appurata l’opinione favorevole del medesimo al ritorno "a casa", si è arrivati a discutere delle modalità dell’operazione. Stando a fonti vicine al tecnico si ragiona su un accordo biennale con possibile opzione per il terzo e considerata l’amicizia con l’attuale amministratore delegato Alessandro Dalla Salda, di fatto plenipotenziario del team per le decisioni operative, è verosimile che si raggiungerà nel breve anche un accordo economico.

Se all’ultimo momento dovesse saltare tutto sarebbe già pronto un piano B: ovvero Stefano Sacripanti, ormai veterano della panchina nella massima serie. Diverse volte accostato a Reggio, stimato da più parti, ma con il quale, per un motivo o per un altro, il matrimonio mai è stato celebrato. Per Menetti invece, come dicevamo, si tratterebbe della terza esperienza coi colori biancorossi. Con cui ha vinto l’Eurochallenge 2014 e la Supercoppa Italiana 2015; centrando anche due finali scudetto consecutive e la semifinale dell’Eurocup nel 2018.

Gabriele Gallo

Francesco Pioppi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?