Mike Piazza
Mike Piazza

Reggio Emilia, 30 giugno 2018 - Vietato farsi illusioni. La Reggiana ha annunciato, ieri pomeriggio con un breve comunicato, di aver «messo in atto i primi adempimenti per l’iscrizione al prossimo campionato di serie C (da depositare entro mezzanotte ndr) affinché si possano esplorare ulteriori soluzioni per il futuro della società», ma la strada da percorrere è ancora molto lunga e, purtroppo, ancora tutta in salita.

Il club verserà infatti i 30.000 euro (5.000 di quota associativa e altri 25.000 di acconto) necessari per restare in vita almeno per altri 13 giorni, ma gli stipendi non sono ancora stati pagati e non è nemmeno stata sottoscritta l’ormai «famosa» fideiussione da 350.000 euro. La mossa effettuata permetterà però al club di restare in corsa per completare le altre procedure d’iscrizione fino al 12 luglio, termine inderogabile per completarla, prima di essere esclusi.

Una decisione a cui i coniugi Piazza sarebbero arrivati anche su consiglio dei revisori dei conti che, durante il consiglio d’amministrazione tenutosi ieri, li hanno messi in guardia da possibili ripercussioni anche in ambito penale in caso di fallimento.

ALICIA_31822812_011826

Cosa succederà adesso? Gli scenari sono molteplici: di sicuro se la Reggiana si salverà, partirà dal prossimo campionato di C con (almeno…) 4 punti di penalizzazione, ma questa è una goccia rispetto a un mare di mille incertezze che ancora grava sul club cittadino. Da qui al 12 luglio infatti si dovrà trovare qualcuno con gli argomenti giusti per convincere i Piazza a pagare gli stipendi arretrati, i relativi contributi e la fideiussione. Altrimenti sarà game over.

Cordate. Chi potrebbe riuscire a compiere l’impresa? Anche ieri il sindaco ha incontrato due imprenditori (uno friulano e uno veneto) disposti a dare una mano affiancandosi agli imprenditori che già si erano fatti avanti. Il summit, da quanto trapelato, è stato positivo e all’inizio della prossima settimana Luca Vecchi cercherà di dare vita ad un tavolo fra tutti gli imprenditori e i soggetti interessati alla Reggiana fra cui spiccano il laziale Marco Arturo Romano oltre ai reggiani Giuseppe e Giovanni Fico e l’inossidabile Luca Quintavalli patron di Olmedo che, senza smanie di apparire, si sta facendo letteralmente in quattro. Si cercherà di trovare le sinergie necessarie per evitare il peggio e poi verrà convocato il presidente Mike Piazza. Ovvio che, a quel punto, ci dovrà essere la massima disponibilità a collaborare da parte del presidente americano che non potrà più chinare la testa pensando di essere stato lasciato solo. La situazione era e resta critica, perché il tempo stringe e perché sono ancora tante le incertezze sulla situazione debitoria del club. Nessuno è così scriteriato da fare una sorta di salto nel vuoto. Prima occorre vederci chiaro, sperando che non sia troppo tardi.