La Conad Reggio Emilia comincia oggi l’avventura nella serie A2 maschile di pallavolo al PalaBigi, dove alle 18 riceve la visita della Sieco Impavida Ortona. Dopo un lungo precampionato, che ha dato risposte confortanti soprattutto dal punto di vista dell’applicazione ma anche dei risultati, la formazione cittadina vuole subito partire col piede giusto, mettendosi alle spalle la difficile stagione scorsa dove, prima della sospensione, le soddisfazioni...

La Conad Reggio Emilia comincia oggi l’avventura nella serie A2 maschile di pallavolo al PalaBigi, dove alle 18 riceve la visita della Sieco Impavida Ortona. Dopo un lungo precampionato, che ha dato risposte confortanti soprattutto dal punto di vista dell’applicazione ma anche dei risultati, la formazione cittadina vuole subito partire col piede giusto, mettendosi alle spalle la difficile stagione scorsa dove, prima della sospensione, le soddisfazioni erano arrivate davvero col contagocce.

In via Guasco potranno accedere 200 spettatori, che dovranno prenotarsi sul sito volleytricolore.it, scaricando l’apposita autocertificazione, ritirando e pagando il tagliando in biglietteria.

QUI CONAD. Insieme al tecnico di Gioia del Colle, che a Reggio era già stato nel 201819 prima di far tappa a Castellana Grotte, la società ha cercato di allestire un mix tra giovani ed esperti: rientra in quest’ultima categoria il cavallo di ritorno Sesto, ex di turno, che lo scorso anno militava proprio nelle fila di Ortona, che si va ad affiancare al centro a Mattei e Scoppellitti; in cabina di regia l’alzatore Pinelli, che compone la diagonale con un altro giocatore tornato in città, l’opposto Bellei, nell’ultimo torneo in A3 a San Donà di Piave.

In banda, invece, spazio ai vari Ristic, Loglisci e Maiocchi, insieme a capitan Ippolito, quest’ultimo ormai una bandiera della squadra. Completa il quadro il libero Morgese, confermato, mentre a completare l’organico saranno Suraci, Catellani e Cagni, giovani comunque pronti per la categoria.

Missione numero uno, per il sestetto reggiano, ricreare entusiasmo: i risultati, poi, arriveranno di conseguenza.

QUI ORTONA. La formazione abruzzese è una habitué della seconda divisione nazionale, dal momento che si appresta a cominciare la nona stagione consecutiva in categoria. Nel ruolo di opposto c’è un figlio d’arte, cavriaghese doc, ovvero Cantagalli: Diego, classe 1999, arriva ad Ortona dopo il titolo di miglior cannoniere dell’A3, grazie ai 23 punti di media realizzati con Brugherio. Le novità, rispetto alla passata stagione, sono soprattutto tra gli schiacciatori, coi volti noti Marinelli, Sette e Rovetto, mentre sarà out per un problema al ginocchio l’ucraino Shavrak. Al centro un altro ex, Fabi, che ha fatto percorso inverso rispetto a Sesto.