di Gabriele Gallo Un derby importante, ma dal retrogusto amaro. Perchè non è la stessa cosa giocare una partita di questo tipo davanti a diverse migliaia di tifosi, che trasmettono calore e passione, e pure pressione ai rispettivi avversari, oppure farlo al cospetto di poco più di mille spettatori e col doveroso distanziamento dettato dalle norme anti Covid. Ma questa è la Serie A di basket ai tempi del coronavirus e col campionato giunto alla quarta giornata l’Unahotels è chiamata a fare le prime vere valutazioni sullo stato...

di Gabriele Gallo

Un derby importante, ma dal retrogusto amaro. Perchè non è la stessa cosa giocare una partita di questo tipo davanti a diverse migliaia di tifosi, che trasmettono calore e passione, e pure pressione ai rispettivi avversari, oppure farlo al cospetto di poco più di mille spettatori e col doveroso distanziamento dettato dalle norme anti Covid. Ma questa è la Serie A di basket ai tempi del coronavirus e col campionato giunto alla quarta giornata l’Unahotels è chiamata a fare le prime vere valutazioni sullo stato del suo percorso di crescita Un cammino iniziato piuttosto bene, sia in Supercoppa sia in campionato, ma la sconfitta "casalinga" di domenica scorsa all’Unipol Arena di Casalecchio contro Brindisi, soprattutto per il modo in cui è maturata, è parso rappresentare una pietra d’inciampo sulla strada biancorossa. Ecco perchè il match di oggi contro la Virtus Bologna (palla a due alle 17 in diretta su Eurosport2 e, via web, su Eurosportplayer) rappresenta una verifica importante per la truppa di Martino. Il pronostico, anche se nelle precedenti tre giornate il fattore campo è saltato spesso e volentieri, è decisamente a sfavore di capitan Candi e compagni, questo è un fatto. Tuttavia non conterà tanto il risultato, ma il modo in cui ci sarà arrivati. Non è un caso che, nelle dichiarazioni prepartita Antimo Martino abbia posto l’accento soprattutto sul tema dell’energia da mettere sul parquet: "Andiamo ad affrontare una delle trasferte più difficili del campionato – ha detto il tecnico – sarà imprescindibile per noi mettere in campo una difesa fatta di energia e tanta concentrazione, così come una migliore gestione dei possessi. Elementi che fanno parte del nostro percorso, in un inizio di campionato che sapevamo molto ostico, ma che ci sta aiutando a conoscerci e a capire dove dobbiamo migliorare. Loro – ha sottolineato Martino – al di là della gara contro Cremona sono in crescita gara dopo gara, parallelamente al miglioramento dei loro atleti di riferimento".

Considerazione logica quella del coach, considerato che i vari Teodosic, Markovic, Weems, Gamble stanno trovando forma, coesione e smalto per proporsi come una seria concorrente al tricolore. Contro questa profondità e solidità di organico Reggio dovrà quindi mettere tutta l’intensità che possiede e tenerla per tutti i 40’.

In casa biancorossa si avranno un Taylor e un Johnson più tonici dopo il match di sette giorni fa in cui si erano presentati reduci da infortuni. Martino deciderà all’ultimo minuto se inserire tra gli stranieri ancora il veterano lettone Blums, apparso in ripresa nel match coi salentini, o puntare sulla fisicità del promettente Ibrahima Cham.