"Abbiamo presentato formalmente la candidatura per un arrivo di tappa del Giro D’Italia 2022": lo ha annunciato il sindaco Luca Vecchi durante la trasmissione tv "To B Reggiana". "A cinque anni di distanza dall’ultima volta - ha detto il primo cittadino - puntiamo a riportare il Giro a Reggio. Era il 2017 e ricordo che fu un momento di grande emozione;...

"Abbiamo presentato formalmente la candidatura per un arrivo di tappa del Giro D’Italia 2022": lo ha annunciato il sindaco Luca Vecchi durante la trasmissione tv "To B Reggiana". "A cinque anni di distanza dall’ultima volta - ha detto il primo cittadino - puntiamo a riportare il Giro a Reggio. Era il 2017 e ricordo che fu un momento di grande emozione; speriamo che l’assegnazione della tappa vada in porto".

Il sindaco ha ricordato un grande evento ospitato dalla città: l’edizione del 2017 fu speciale (la numero cento, trionfò l’olandese Tom Dumoulin) e la 12ª tappa (18 maggio) partì da Forlì con arrivo adatto ai velocisti proprio a Reggio (viale Isonzo); vinse la tappa il colombiano Fernando Gaviria. Il giorno successivo, sempre da Reggio, partì la 13ª tappa, direzione Tortona. "La speranza è che il prossimo anno sia decisivo per uscire dalla pandemia, e lo sport può dare una grossa mano", un bell’auspicio quello di Luca Vecchi, che ha proseguito: "Gli eventi sono occasione di promozione dello sport e della città: nel 2022 non solo ciclismo, ma ci saranno anche le ‘Olimpiadi del Tricolore’".

Vecchi ha poi esternato il sostegno verso la Reggiana per la lotta salvezza, così come aveva fatto con la Unahotels dopo l’ultimo importante successo su Pesaro, ribadendo ancora una volta che "lo sport può essere determinante per venire fuori da momenti così difficili". Inoltre, tornando al ciclismo, non dimentichiamo che tra poco più di un mese la nostra provincia sarà protagonista nel Giro d’Italia 2021 (104ª edizione): il prossimo 11 maggio la carovana rosa darà spettacolo sulle strade tra i castelli matildici di San Polo, Canossa, Casina e Carpineti, nella 4ª tappa (Piacenza-Sestola). Un ottimo modo per celebrare i 160 anni dell’Unità d’Italia, oltre che il 90° compleanno della maglia rosa.