I ragazzi del birrificio forlivese Bifor, progetto di successo che ha dato vita a un pub
I ragazzi del birrificio forlivese Bifor, progetto di successo che ha dato vita a un pub

Rimini, 15 febbraio 2020 - Un fatturato complessivo di oltre nove milioni di euro e un tasso di esportazioni da record: 3,045 milioni di ettolitri solo nel 2018 (+ 6,6% rispetto all’anno precedente). Sono solo alcuni dei numeri lusinghieri realizzati dalla filiera italiana della birra, che in questi giorni si dà appuntamento alla fiera di Rimini, in occasione della sesta edizione di “Beer and Food Attraction” (foto). Inaugurata oggi, la manifestazione più attesa da appassionati e addetti ai lavori si protrarrà fino al 18 febbraio con un calendario fitto di eventi. Ma il culmine della kermesse è rappresentato certamente dal concorso “La Birra dell’anno”, dedicato alle migliori espressioni delle birre artigianali italiane: lo scorso anno, la medaglia d’oro era andata al birrificio marchigiano Mukkeller, di Porto Sant’Elpidio. L’edizione 2020 vede in gara 302 birrifici da Nord a Sud della penisola, per un totale di 2.145 birre iscritte (+ 8% di adesioni rispetto al 2019).

A contendersi la luce dei riflettori con le “bionde” c’è il cibo: da quest’anno, infatti, la manifestazione celebra il matrimonio tra birra e cibo di qualità, essendo denominata per la prima volta “Beer and Food attraction”. Tanto street food, dunque, tra i padiglioni, ma non solo: in fiera sono arrivati più di 1.500 cuochi provenienti dall’Italia e dall’estero, per sfidarsi ai Campionati della Cucina italiana, organizzati dalla Fic (Federazione Italiana Cuochi) lungo i tre giorni dell’evento. Le prove vedranno i maghi dei fornelli sfidarsi tra cucina “calda”, cucina “fredda”, pasticceria da ristorazione e cucina artistica, sotto lo sguardo severo di 45 giudici e dei giornalisti di settore. E ci sarà anche il nuovo contest “street food”: una prima assoluta, sull’onda dello strepitoso successo che il “cibo da strada” sta facendo registrare soprattutto in estate, tanto da avere ormai dei festival dedicati in diverse città italiane.

Tra gli stand, oltre ai colossi internazionali della birra (uno su tutti, l’americana Brewers Association, che ha portato in fiera oltre 14 birrifici indipendenti), tante le etichette artigianali gestite da giovani, che scommettono sull’agricoltura biologica, su materie prime del territorio e sperimentazioni inedite. Non potevano certo mancare i riferimenti a Fellini nell’anno del centenario della nascita, con immagini, video e musiche dei capolavori del Maestro ad accompagnare tutte le attività.

Biglietti e info

La fiera resterà aperta sabato 15, domenica 16 e lunedì 17 febbraio dalle 10 alle 18:30. Martedì 18 febbraio la chiusura sarà anticipata alle 17. L’ingresso è riservato esclusivamente agli operatori di settore: solo nella giornata di sabato 15 febbraio l’ingresso è aperto anche al pubblico dei beer lovers, foodies e consumatori gourmet.

Il prezzo del biglietto d'ingresso intero è di € 35 (prevendita via web 30€, disponibile fino a martedì 18 febbraio).
Il pacchetto da 1 ingresso intero comprende:
• 1 Ingresso
• 5 gettoni (4 gettoni se si acquista la prevendita via web da 30€)
• 1 bicchiere 10 cl e 1 porta bicchiere Beer Attraction.
I gettoni consentono di assaggiare la birra presso gli stand degli espositori.
All’interno dell’evento sarà possibile acquistare:
• Un ulteriore pacchetto da 5 gettoni al prezzo di 10€;
• Bicchiere da 10 cl al prezzo di 5€.







L’accesso in fiera e la consumazione dei prodotti sono consentiti ai visitatori di età superiore ai 18 anni. Alla consegna dei gettoni verrà richiesto il documento di identità. Sarà possibile comprare bottiglie di birra agli stand, ma è vietata la consumazione di quanto acquistato all’interno della fiera. Non è consentito l’accesso agli animali.

Il quartiere fieristico può essere raggiunto con i mezzi pubblici (linee autobus 5, 9 e 10), in treno (fermata “Riminifiera”), in taxi o con la propria auto. In quest’ultimo caso, il costo del parcheggio per l’intera giornata è di 13 euro.