Riccione, 8 dicembre 2019 - Tripletta con ospiti eccellenti per il Deejay On Ice che dal 29 dicembre al primo gennaio infuocherà piazzale Ceccarini, trasformato in un dance floor a ingresso libero. Sul palco due icone del momento Mahmood, vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo (secondo all’Eurovision Song Contest) e la rockstar Emma Marrone, attesi domenica 29, alle 16,30, il tenore Alberto Urso, vincitore della diciottesima edizione di Amici di Maria De Filippi, in programma il primo gennaio, alla stessa ora, Rudi Zerbi matador di tutti gli appuntamenti, compreso la serata di San Silvestro che dalle 22 proporrà il deejay set con Alex Farolfi e Chicco Giuliani.

Ad annunciare le kermesse musicali ieri al bar Brillo di Riccione, è stato Linus, patron di Radio Deejay, che con un pizzico d’ironia commenta: «Dopo l’estate c’è stata una coda un po’ antipatica che abbiamo superato, quest’offerta copre tutto l’arco costituzionale musicale e generazionale, voglio vedere se qualcuno ha il coraggio di lamentarsi anche quest’anno. Mahmood è di certo il personaggio dell’anno a livello internazionale, Emma è uno dei nomi più graditi dal pubblico giovane e anche adulto, e poi c’è Urso ormai figlio di Zerbi. Gestiamo il Capodanno da quattro cinque anni, abbiamo capito quali sono i momenti migliori, quelli che poi hanno dettato le scelte di queste esibizioni musicali, proposti in orari insoliti, ma vincenti. Abbiamo cercato di fare questo senza svenarci con artisti che per la sera di Capodanno chiedono dei cachet improbabili. Anche perché la sera del 31, nonostante Riccione non sia più quella degli anni Novanta, è sempre un posto in cui le discoteche hanno un ruolo fondamentale, quindi è inutile pestarsi i piedi a vicenda».

Su Riccione aggiunge: «E’ punto d’incontro tra tante generazioni, un posto di matti, che è il miglior complimento che possa fare, nel senso che matto è chi si spinge un po’oltre al limite, più visionario e che ha il coraggio di trovare qualcosa d’insolito, Riccione è un posto concreto».
 

Al fianco di Linus il sindaco Renata Tosi, l’assessore Stefano Caldari e il presidente di Federalberghi Bruno Bianchini, che rilancia il progetto «Riccione in treno», proposto in collaborazione con Trenitalia e amministrazione comunale. Chi arriverà a Riccione col Frecciarossa o con il Frecciabianca guadagnerà un posto in prima fila, o nel settore dedicato per altri due concerti di punta, quello degli auguri in programma la sera di Santo Stefano al palacongressi e quello di Ezio Bosso che il 29 alle 21, sullo stesso palco dirigerà l’Europe Philharmonic Orchestra. Per quest’ultima serata, considerato che la sala Concordia può ospitare non più di 1.400 persone, si annuncia il sold out. Ma le richieste sono di gran lunga superiori. «Ne sono pervenute già alcune migliaia – fa sapere Caldari – il concerto verrà trasmesso in diretta su maxischermo in piazzale Ceccarini».

Per accedere ai concerti serali del 26 e del 29 è necessario avere i biglietti invito, che per la serata del 26 con Corone, Ensemble Amarcanto, Bound for Glory e Piccolo coro della Karis diretti da Laura Amati, si potranno ritirare mercoledì 11 dicembre, dalle 8,30 alle 15, al Palazzo del Turismo, in piazzale Ceccarini, e per Bosso giovedì 12 (giorno in cui la distribuzione sarà riservata ai riccionesi che dovranno esibire un documento d’identità per entrambi i biglietti), e venerdì per tutti.

Con Riccione ice carpet, eventi musicali e villaggio natalizio, ma anche con il Mare d’inverno, che ieri ha preso il via con la riapertura dei Bagni 86 e 87 (altri seguiranno i giorni successivi), negli oltre cento hotel aperti gli albergatori contano di registrare il tutto esaurito. In distribuzione il kit di promozione per gli operatori turistici, pronti a intensificare il tam tam mediatico soprattutto online.