Rimini, 11 luglio 2018 - Torna a vivere l’ex colonia Bolognese, grazie alla scommessa dell’Associazione di Promozione Sociale “Il Palloncino Rosso”, che ha coinvolto numerose associazioni del riminese nell’ambizioso progetto “Riutilizzasi Colonia Bolognese”. Dallo scorso 24 giugno, infatti, un programma di eventi ricco e variegato fa sì che l’ex Colonia, per anni ridotta a ricettacolo di criminalità e degrado, si animi di volta in volta di nuova vita.

Dalle rassegne cinematografiche alle lezioni di yoga e pilates, dagli shooting fotografici ai concerti, ce n’è per tutti i gusti. E finora la cittadinanza ha risposto con entusiasmo: grande è stata la partecipazione al “Ciclotour fra le Colonie”, tenutosi lo scorso 24 giugno, a cura del Palloncino Rosso e di numerosi enti del territorio. A bordo della propria bici, cittadini di tutte le età hanno percorso la pista ciclabile che collega la città al mare, per riscoprire la storia e l’architettura delle ex colonie marine riminesi.

Lezioni di yoga ogni martedì sera alla Colonia

Molto partecipate anche le lezioni di yoga, che si ripetono ogni martedì alle 19, a cura dell’Associazione Sportiva Fan e sotto la guida esperta dell’insegnante Ivana Rambaldi. In programma anche una rassegna cinematografica gratuita in quattro appuntamenti, tutti dedicati al “potere dell’immaginazione”: ha dato il via “L’isola delle rose”, lo scorso 29 giugno. Si prosegue venerdì 20 luglio con la proiezione de "La forma dell’acqua" di Guillermo Del Toro, vincitore di quattro premi Oscar, fra cui miglior film e miglio regia. Venerdì 24 Agosto sarà la volta di un film francese, il documentario "Visage, Villages" di JR e Agnès Varda, mentre il 7 Settembre la rassegna si chiuderà con "God Save The Green", un altro documentario, firmato dai bolognesi Michele Mellara e Alessandro Rossi.

E chi pensava che l’ex Colonia non sarebbe mai potuta finire in un album di immagini patinate è costretto a ricredersi: il fotografo riminese Valerio Zanotti ha scelto proprio questa location per ambientare uno shooting fotografico dedicato alla danza. Non si può che restare a bocca aperta guardando i suoi scatti, in cui sono ritratte le movenze leggiadre delle ballerine della scuola riminese ManuAle di Danza. Attraverso le sue foto, si comincia a guardare con occhi nuovi a questi spazi, se ne riesce a cogliere tutta la loro bellezza.

“Riutilizzasi Colonia Bolognese” è dunque un lavoro collettivo in cui è coinvolta tutta la cittadinanza e rappresenta una scommessa vinta finora a mani basse. Ed è una lezione per il futuro: saper reinventare la città partendo dal “brutto”, dalle macerie, dai luoghi dell’abbandono.