Bruce Springsteen in concerto (foto Afp)
Bruce Springsteen in concerto (foto Afp)

Rimini, 20 marzo 2018 - C’è di nuovo gloria a Rimini per i fan di Bruce Springsteen. Sì perché dal 23 al 25 marzo tornano i Glory days, la grande manifestazione dedicata al ‘Boss’, giunta alla 19esima edizione. Edizione che si sarebbe dovuta tenere a settembre, ma poi per vari problemi (anche logistici) è saltata. Ma l’appuntamento è stato solo rinviato di alcuni mesi. Ora è tutto pronto per il ritorno dei Glory days, che apriranno venerdì 23 alle 18 alla Galleria dell’immagine con l’inaugurazione della mostra From the River 1981 at The River 2016, curata da Maurizio Cavallari, che ha fotografato Springsteen per quasi quarant’anni. Alla sera invece la grande festa per i fan del ‘Boss’ si sposterà al Teatro degli Atti con i primi concerti: alle 20,45 aprirà Diego Mercuri, poi sarà la volta dei Lowlands e infine salirannno sul palco gli unidici musicisti riminesi di Bound for glory, capitanati dal cantante Lorenzo Semprini, uno degli organizzatori dei Glory days.

Sabato 24 marzo ben tre gli appuntamenti in programma. Si partirà già dal mattino alle 11 in piazzetta Gregorio da Rimini con Lovesick duo, Davide Brienza, Carlo Ozzella e Valerio Bruner. Al pomeriggio l’incontro in Cineteca (a partire dalle 16,30) che vedrà protagonisti Luca De Gennaro, voce storica di radio Capital, e Francesco Coli (autore del primo libro in italiano su Springsteen e i bootlegs) con un dibattitto sui dischi del 1978 che hanno fatto la storia, in particolare Darkness on the edge of town che ha reso Springsteen famoso in tutto il mondo. In serata si torna agli Atti per la musica dal vivo: alle 20,45 Federico Mecozzi insieme al suo trio e tanti ospiti, fra cui Giuseppe Righini, mentre alle 22 suoneranno Riccardo Maffoni Lu Silver, Lucia Solferino, Daniele Rizzetto ed il gran finale con Riccardo Maffoni (il vincitore di Sanremo giovani nel 2006), Hans Ludvigsson, Daniele Tenca e la 1978 band.

I Glory days chiuderanno domenica 25 con la ‘maratona’ al Rose & Crown (a partire dalle 12), con un omaggio a tutti i dischi di Springsteen eseguito da tanti artisti, fra cui lo stesso Lorenzo Semprini, Renato Tammi, Michele Donati, Paolo Costanzi.