La partenza delle donne alla Pink Race (Ottavio Pamantini)
La partenza delle donne alla Pink Race (Ottavio Pamantini)

Rimini, 8 luglio 2018 - Non solo musica fino all’alba, party e djset in spiaggia nella lunghissima Notte Rosa della Riviera romagnola (FOTO): c’è stato anche chi ha scelto di festeggiare la famigerata ricorrenza, giunta quest’anno alla tredicesima edizione, con una corsa a perdifiato. Naturalmente, in puro stile Notte Rosa. Rosa erano infatti le medaglie, rosa le t-shirt distribuite ai partecipanti alla I^ Pink Race 10.000 metri, la manifestazione svoltasi ieri sera in un “Villaggio Rosa” (FOTOappositamente allestito nella Zona Artigianale di Rimini. Location insolita per una podistica, almeno in questa città, dove gran parte delle iniziative si snoda tra gli angoli più pittoreschi del centro storico e il lunghissimo litorale.

image


Eppure, il circuito, delimitato da capannoni industriali, falegnamerie e case cantoniere, svela un fascino inaspettato a coloro che non avevano mai visto la parte “produttiva” della città, lontano da luci, lustrini e immagini patinate. Diverse le gare in cui si articola la manifestazione, uguale il rituale d’apertura, con migliaia di coriandoli “sparati” sui podisti. Alle 18:30 parte la corsa/camminata non agonistica di 8,5 km, dipanata nel verde delle colline riminesi. Alle 18:45 è il turno degli under 15, che corrono per 1000 metri. Alle 19:00 prende il via la 10.000 metri femminile, alle 20:00, infine, è il turno degli uomini, che chiudono le competizioni sullo stesso circuito percorso poco prima dalle donne.

MISANO_32282716_152411


Le classifiche degli arrivi hanno riservato qualche sorpresa rispetto ai pronostici: se Beatrice Boccalini, data per favorita alla vigilia, non ha deluso le attese, arrivando prima con un tempo di 37 minuti e 29 secondi; nella gara maschile Yassin El Khalil si è lasciato alle spalle i favoriti Michele Agostini e Alessio Loner e ha tagliato il traguardo in 33 minuti e 34 secondi.
Più della classifica, tuttavia, è contato il clima di festa e di leggerezza in cui si è svolta la Pink Race: quasi tutte le partecipanti indossavano almeno un accessorio o un capo di colore rosa, così come gli organizzatori e i volontari che hanno collaborato all’iniziativa, a cura della società podistica Golden Club Rimini. Una festa che ha contagiato anche i residenti nella zona, molti dei quali presenti per strada a incitare i concorrenti in gara.