Santarcangelo di Romagna, Rocca Malatestiana
Santarcangelo di Romagna, Rocca Malatestiana

Santarcangelo (Rimini), 17 aprile 2019 - La tradizione vuole che la passione tra Paolo e Francesca sia scoppiata a Gradara. Ma per alcuni studiosi il loro amore si consumò nella Rocca di Santarcangelo. E fu grazie a Sigismondo che il castello prese le forme che conserva ancora oggi. Per anni la Rocca Malatestiana è rimasta chiusa, anche ai santarcangiolesi. Ma da quando la principessa Marina Colonna di Paliano ha ereditato il castello dalla zia, la contessa Eugenia Rasponi, ha fatto tantissimo per restaurarlo e aprirlo alla città.

Già da tempo è possibile visitare la Rocca. Adesso si può anche pernottare nelle eleganti suite ricavate al suo interno, nella Torre dei paesaggi e nella Torretta dei tramonti. Non solo: dopo Pasqua la principessa aprirà le porte del castello con corsi, cene medievali e tanti altri eventi, per rendere la Rocca sempre più fruibile. «Una scelta che è stata voluta fortemente dalla principessa – spiega Luigi Rossini, il direttore degli eventi e delle iniziative al castello – nella convinzione che le dimore storiche vadano valorizzate e aperte al pubblico».

I primi eventi partiranno la settimana prossima. Si comincia già il 25 aprile con il corso di galateo, che andrà avanti fino al 28. Dal 26 (e fino al 28) la Rocca ospiterà altri due corsi: quello di decorazione tenuta da Emanuela Siani e, soprattutto, quello di cucina romagnola. A condurre le lezioni ai fornelli saranno due autentiche azdore santarcangiolesi, Germana Borghini e Paola Nicoletti, già protagoniste del Palio della piadina. Saranno loro a svelare ai partecipanti i segreti per preparare cappelletti, passatelli, strozzapreti, bollito e altri piatti tipici della cucina romagnola.

Nei mesi a seguire tantissimi altri eventi animeranno poi la Rocca Malatestiana di Santarcangelo. Anche Calici di Stelle (che si chiamerà da quest’anno Calici Santarcangelo) entrerà a corte, con un appuntamento speciale. E’ il nuovo corso intrapreso dalla principessa Marina Colonna di Paliano, convinta che le dimore storiche come il castello di Santarcangelo debbano essere mantenute aperte al pubblico e vive.

Proprio in quest’ottica, è stato avviato anche un confronto con albergatori e associazioni di categoria, allo scopo di favorire e incrementare le visite guidate. Visite che, durante il periodo estivo, saranno possibili tutti i giorni. In questi anni la Colonna ha investito diversi milioni per restaurare il castello (oltre due solo nell’ultimo decennio), facendolo diventare un ‘gioiello’ da riscoprire. E il pubblico, per la Rocca Malatestiana, non mancherà di sicuro.