Rimini, spiaggia affollata (foto d'archivio PasqualeBove)

Rimini, 16 luglio 2018 – Meglio chiarirlo subito, non è una truffa. È proprio così: 30 persone saranno pagate per andare in vacanza sulla riviera romagnola. L’iniziativa si intitola ‘Il lavoro più bello del mondo’. L’offerta di lavoro è un po’ particolare. I candidati selezionati riceveranno free pass per tutti i locali e una precisa tabella oraria composta da eventi, discoteche, pub, musica, mare, ristorazione, cibo tipico, shopping esclusivo. Il paese dei balocchi, insomma.

Qualcuno si chiederà in cosa consista il lavoro. La risposta è semplice. I fortunati dovranno raccontare la loro esperienza sui social network. Inutile dire che le candidature fioccano. Sono già 150mila e arrivano da tutto il mondo; 70mila solo dalla Cina. Peraltro, è ancora possibile iscriversi alla competizione cliccando sui due siti web dedicati all’iniziativa (http://lavoropiubellodelmondo.it/genitori e www.lavoropiubellodelmondo.com).

Tuttavia, saranno solo 30 le persone selezionate. Le quali, alternate in gruppi da sei ogni settimana, dal 17 luglio al 15 agosto si divertiranno a più non posso nei dintorni di Rimini. I primi a scendere in campo saranno due genitori armati di smartphone, i quali dovranno vivere la vacanza come lo farebbero i loro figli. Poi toccherà ai ragazzi under 30.

Costoro, ad ogni modo, non sono i pionieri della vacanza pagata. Infatti, ‘Il lavoro più bello del mondo’, un’iniziativa che fa parte di un nuovo piano di marketing per il rilancio del distretto riminese, è già alla seconda edizione. L’anno scorso ha coinvolto 22mila candidati. E ha raccolto sui social 70 milioni di visualizzazioni e oltre un milione di like.

Si tratta di un progetto realizzato in sinergia da APT (Promozione Turistica Regione Emilia Romagna), SILB (Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento di ballo e di Spettacolo), Destinazione Romagna, Confcommercio della Provincia di Rimini e la Black Marketing Guru, guidata da Giacomo Arcaro. Lo scopo? Far raccontare senza filtri direttamente ai turisti l’ampia offerta di intrattenimento della riviera: dai parchi divertimento ai locali da ballo, dalla ristorazione alle strutture ricettive.