Acer, dipendenti in sciopero: "Il diritto alla casa è una cosa seria"

I sindacati annunciano uno sciopero dei dipendenti di Acer per il rinnovo del contratto nazionale Federcasa. Chiedono ai politici di intervenire per rafforzare il sistema dell'edilizia residenziale pubblica. L'obiettivo è ottenere un rinnovo contrattuale che aiuti i lavoratori a fronteggiare la crisi economica.

Acer, dipendenti in sciopero: "Il diritto alla casa è una cosa seria"

Acer, dipendenti in sciopero: "Il diritto alla casa è una cosa seria"

"Il diritto alla casa pubblica è una cosa seria", scrivono i sindacati in coro. Annunciando così lo sciopero che faranno i dipendenti di Acer (Azienda casa Emilia Romagna) anche nel Riminese. "È Indispensabile che anche la capacità di chi lavora in Acer, trenta dipendenti a livello provinciale, sia riconosciuta e valorizzata nel rinnovo del contratto nazionale Federcasa per il triennio 2022-2024", scrivono in una nota congiunta Cgil, Cisl e Uil.

Le tre sigle sindacali hanno inviato nei giorni scorsi una lettera al presidente della Provincia Jamil Sadegholvaad e ai sindaci per annunciare lo sciopero del 20 febbraio. L’intento è chiaro: i sindacati vogliono coinvolgere la politica affinché siano sindaci e assessori a intervenire in maniera concreta per "rafforzare il sistema dell’edilizia residenziale pubblica, capace di risolvere i problemi sociali cronici in questo ambito". L’appello dei sindacati suona così: se è Acer a sbrogliare le problematiche dei Comuni con le emergenze legate alla casa, che siano i politici ad attivarsi per andare incontro alle richieste dei dipendenti.

"Stiamo parlando – proseguono i sindacati – di lavoratori e lavoratrici con un contratto nazionale che è scaduto già dal 2021 e che continuano a combattere contro difficoltà e scarsità di risorse, in una condizione in cui l’incapacità della politica di rispondere al grande bisogno di case popolari determina investimenti inadeguati". L’obiettivo, aggiungono Cgil, Cisl e Uil, "è quello di ottenere per i lavoratori e le lavoratrici un rinnovo contrattuale che aiuti anche queste persone a affrontare la crisi economica e inflattiva. Una crisi altamente impattante sulle fasce più deboli e sui redditi medio bassi". Di mezzo c’è il contratto Federcasa applicato al personale che lavora nelle aziende di gestione delle case popolari. Venerdì è in programmata l’assemblea sindacale unitaria dei dipendenti Acer in provincia di Rimini.