Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
25 lug 2021

"Adesso voglio giustizia per il mio Michael"

Marina Mularoni è la mamma di Antonelli, il giovane ciclista vittima di un incidente del 2018: "Si faccia luce su quanto accaduto"

25 lug 2021
Marina Mularoni con il figlio Michael, morto a dicembre per problemi legati al Covid
Marina Mularoni con il figlio Michael, morto a dicembre per problemi legati al Covid
Marina Mularoni con il figlio Michael, morto a dicembre per problemi legati al Covid
Marina Mularoni con il figlio Michael, morto a dicembre per problemi legati al Covid
Marina Mularoni con il figlio Michael, morto a dicembre per problemi legati al Covid
Marina Mularoni con il figlio Michael, morto a dicembre per problemi legati al Covid

Un vuoto immenso da quando Michael Antonelli, lo sfortunato ciclista dilettante Under 23 vittima del tremendo fuori strada durante la 72° Firenze-Viareggio del 15 agosto 2018, ha chiuso per sempre gli occhi nel dicembre scorso per complicazioni legate al Covid. Ma la mamma Marina Mularoni non molla, continua a battersi mentre l’altro figlio Mattia, juniores, ha ripreso a gareggiare dopo una breve pausa con il Team My Glass. Da dove trova la sua grande forza? "Sono credente, ho pregato tantissimo, dopo quell’attimo, l’incidente e la vita che da allora non è stata più la stessa". Prima l’ospedale a Firenze, i centri di riabilitazione, qualche segnale di speranza. "Ci sono stati, ma non mi sono mai fatta illusioni. Fino all’ultimo ho sperato anche se sapevo che sarebbe stata una vita diversa. Ma ero pronta ad affrontarla". Mesi sofferti per lei sempre vicina al figlio. "Sono stati mesi difficilissimi. Mi sarei atteso un maggior sostegno da parte del mondo del ciclismo e delle istituzioni. Non nascondo che a volte mi sono sentita abbandonata. Io lavoro da una dozzina di anni alla Erbozeta di San Marino e ringrazio immensamente il proprietario, Roberto Zavaglia, che si è mostrato sensibile sino dall’inizio e mi è venuto incontro il più possibile su tutti i fronti, i miei colleghi di lavoro, ed ancora Maria Sberlati e Vittorio Savini del Team Alice Bike di Cesenatico dove Michael gareggiò da juniores prima di passare dilettante alla Mastromarco Sensi Nibali". E ci sono voluti tanti soldi. "Assolutamente sì. Gli amici hanno aperto un conto corrente, sono rimasta colpita dalle donazioni ricevute. Un piccolo gesto in realtà per noi diventato un grande aiuto. Penso alle lotterie con raccolte di fondi organizzate in Toscana dalla squadra di Michael, la Mastromarco Sensi Nibali, con il presidente Carlo Franceschi e il diesse Gabriele Balducci". Dal punto di vista ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?