Allarme affitti in città per il boom del turismo

Santarcangelo, sempre più case destinate ai vacanzieri. Gli assessori Zangoli e Sacchetti: "Ora uno studio per gestire il fenomeno"

Allarme affitti in città per il boom del turismo

Allarme affitti in città per il boom del turismo

I numeri non sono, ovviamente, quelli della Riviera. Ma si fanno sempre più interessanti. E confermano Santarcangelo come la località del Riminese preferita, dai turisti che scelgono di soggiornare lontano dalla costa. Il 2023 – dati Istat alla mano – si è chiuso con 25.403 turisti arrivati, il 9,1% in più del 2022, addirittura il 46,3% in più del 2019. E i pernottamenti (le presenze totali dei turisti) sono stati 46.339, in crescita del 7,3% sul 2022 e del 47,7% rispetto al 2019. Da sola Santarcangelo ha fatto un terzo delle presenze (circa 160mila) registrate negli altri comuni non costieri del Riminese. Giusto per dare un’idea: nel 2023 a Verucchio sono arrivati in tutto 9.305 turisti e le presenze sono state 16.683.

Una crescita del turismo a Santarcangelo che è confermata anche dall’ufficio Iat – gestito dalla Pro loco – che nell’anno appena concluso ha svolto 23.712 visite guidate, 5mila in più rispetto alle 18.866 nel 2022. Un risultato raggiunto anche grazie anche alla casamatta di piazza Balacchi: il sito archeologico coi resti delle fortificazioni malatestiane ha aperto al pubblico da giugno e in sei mesi ha registrato 18.500 visitatori. Negli ultimi dieci anni, nonostante il periodo della pandemia, l’ufficio Iat ha collezionato oltre 160mila visite guidate.

Che il turismo a Santarcangelo stia diventando sempre più importante per l’economia cittadina, lo conferma anche l’aumento di strutture ricettive. Nel solo 2023 in città hanno aperto altri 11 appartamenti a uso turistico e 3 nuove case vacanza. "È ormai assodato il fatto che, già da diversi anni, Santarcangelo stia registrando nel turismo un trend di crescita tra i migliori (in percentuale) della provincia di Rimini – osservano gli assessori Emanuele Zangoli (turismo) e Filippo Sacchetti (pianificazione urbanistica) – Un’ascesa che occorre comprendere in modo approfondito, da un lato per proseguire la crescita di questo settore economico, dall’altro per gestire un fenomeno che deve essere ’accompagnato’ anche attraverso il nuovo piano urbanistico generale della città". Questo "per non creare quelle distorsioni del mercato immobiliare, che si stanno verificando anche nelle città vicine".

Ecco perché "affideremo a breve l’incarico, a un’agenzia specializzata, per uno studio sul turismo. Servirà per fare un’analisi dettagliata delle azioni e delle caratteristiche che hanno portato al boom del turismo ed elaborare strategie in grado di gestire e accompagnare lo sviluppo futuro del settore". Perché il turismo a Santarcangelo "deve continuare secondo i valori di Cittàslow, senza intaccare la coesione sociale della nostra comunità".