CARLO ANDREA
Cronaca

Allo sbando senza nessuno che Guidi

Dopo la Notte rosa, il dibattito politico a Riccione evidenzia il declino della classe dirigente locale. Critiche per la mancanza di azioni concrete e per la scarsa comunicazione istituzionale. La figura dell'assessore al Turismo sotto accusa.

Allo sbando senza nessuno  che Guidi

Allo sbando senza nessuno che Guidi

Barnabè

Nel dibattito scatenato dopo i disastrosi esiti della Notte rosa vanno registrate alcune perle che testimoniano lo scadimento della politica riccionese. La zuffa social tra due ex sindaci, il cerchiobottismo del Pd, la confusione che regna in municipio. Possibile che nessuno in quasi vent’anni sia riuscito a smarcarsi? Perché gli operatori non hanno mai promosso azioni di protesta che non siano andate al di là dei commenti che intasano i social? Infine, che ci sta a fare un assessore al Turismo che, a distanza di giorni, non ha ancora detto nulla, se non un comunicato stampa dai toni trionfalistici che appare oggi come un clamoroso scivolone. Parafrasando una celebre frase di Winston Churchill potremmo dire che "davanti al palazzo del turismo si è fermata un’auto vuota. E’ sceso Guidi".