Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 mag 2022

Alpini e le molestie a Rimini, negozianti in rivolta: "Basta fango"

Esercenti di Marina Centro e albergatori difendono le penne nere: "Chi ha sbagliato va punito, ma con loro Rimini è rinata"

17 mag 2022
lorenzo muccioli
Cronaca
Un momento della cerimonia dell’alzabandiera degli alpini in piazza Cavour
Un momento della cerimonia dell’alzabandiera degli alpini in piazza Cavour
Un momento della cerimonia dell’alzabandiera degli alpini in piazza Cavour
Un momento della cerimonia dell’alzabandiera degli alpini in piazza Cavour

Rimini, 17 maggio 2022 - I commercianti non ci stanno. Stanchi di vedere infangato il nome della loro città, dopo l’ondata di polemiche che si è abbattuta sui partecipanti alla 93esima Adunata degli alpini a causa di presunti episodi di molestie ("oltre 500 le segnalazioni" secondo l’associazione ‘Non una di meno’), esercenti e imprenditori di Marina Centro sono usciti allo scoperto. Prendendo le difese delle ‘penne nere’. "Ormai da parecchi giorni – si legge in una lettera firmata da 14 attività economiche – Rimini fa rima solo con le molestie alle donne. Si scrive di denunce (tante), raccolte di firme, proteste sempre più forti, rabbia che hanno prodotto e producono dimissioni, scontri politici e accendono gli animi come non accadeva da anni". I firmatari della lettera si definiscono "parte di quella città che nei giorni dell’Adunata ha vissuto e respirato, forse un po’ di più rispetto ad altre zone di Rimini, un clima di ritrovata fiducia e speranza. Un’atmosfera di festa e voglia di tornare a vivere; di essere ancora protagonisti dopo due anni e mezzo di pandemia". Quello dei negozianti non è un tentativo di minimizzare o sminuire le testimonianze di tante, tantissime ragazze. Anzi. "Le molestie e le offese alle donne vanno combattute, non tollerate: su questo non vi è alcun dubbio". Allo stesso modo però "non vi è alcun dubbio sul fatto che proprio gli Alpini, nella stragrande maggioranza delle situazioni e nella stragrande maggioranza delle persone qui convenute, abbiano rappresentato per Rimini un’occasione formidabile di condivisione dei valori umani, rispetto reciproco e attaccamento alle istituzioni. Non possiamo lasciare che il binomio Rimini-Alpini si trasformi in Rimini-Adunata di molestatori e violenti. Ma neppure che si silenzino i tanti aspetti positivi connessi alla loro presenza". "Puniamo severamente chi ha sbagliato, ma riconosciamo pubblicamente di aver trovato negli Alpini ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?