Anche senza superbonus aumentano i grandi cantieri

Lo stop del governo al superbonus non ha bloccato gli interventi di rigenerazione edilizia più importanti. A dare i numeri è il Comune di Rimini che mostra l’aumento dei permessi a costruire. Se lo scorso anno erano stati complessivamente 14 i permessi chiesti per interventi di demolizione e ricostruzione, nel primo semestre di quest’anno sono già 18 le pratiche presentate attualmente in istruttoria. Se se da una parte la corsa al credito d’imposta per rifarsi casa si è interrotta (nel 2022 furono 1300 le Cilas, le comunicazioni di inizio lavori asseverata superbonus) "dall’altra – dice l’assessore Roberta Frisoni – le possibilità introdotte con la variante al regolamento urbanistico hanno incentivato i permessi di costruire e gli interventi di ristrutturazione. L’obiettivo è promuovere la riqualificazione profonda del patrimonio edilizio, slegata dagli interventi a spot".