Bagno di folla per Elly Schlein: "Ora Riccione è in buone mani"

La segretaria del Pd ha festeggiato la ‘riconquista’ della città: "Il partito sarà al fianco di Daniela Angelini".

Bagno di folla per Elly Schlein: "Ora Riccione è in buone mani"

Bagno di folla per Elly Schlein: "Ora Riccione è in buone mani"

Ingresso trionfale ieri a Riccione per la segretaria nazionale del Pd Elly Schlein. Ad attenderla all’hotel Mediterraneo c’erano centinaia di persone, compresi i sindaci del circondario, l’onorevole Andrea Gnassi, Emma Petitti presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, segretari e assessori comunali provinciali e regionali. Esauriti i 400 posti a sedere, in tanti hanno dovuto assistere all’incontro ‘Per un futuro più giusto’ che ha lanciato la manifestazione dell’11 novembre a Roma, restando in piedi. La Schlein in un clima festoso ha raggiunto il palco, dove ad accoglierla è stato il segretario territoriale del partito Riziero Santi affiancato dal collega provinciale Filippo Sacchetti e da quello regionale Luigi Tosiani. Anche se i temi da toccare erano tanti e di primo piano, a prevalere nel suo intervento e in quello di quanti hanno preso parola, è stata la sentenza del Consiglio di Stato che ha riconsegnato a Daniela Angelini la fascia tricolore. È a lei che la Schlein rivolge il primo pensiero: "Sono felicissima che questa vicenda ingiusta si sia finalmente e definitivamente conclusa – premette –. Lo sono non solo per Riccione, cosa più importante, come lo è sempre stato per Daniela e per il Partito Democratico. Così non si può dire di altri. Quand’era in corsa per le elezioni con la Angelini è stata fiducia a prima vista. Ritrovo nella sua forza gentile quello che serve. Non accettando le regole della democrazia, si è provato a tenere ferma la città per mesi, ora Daniela correrà il triplo per realizzare il programma con la sua coalizione".

Quindi la promessa: "Daniela saremo al tuo fianco". La segretaria del Pd ha posto l’accento sulla "destra aggressiva, arrogante, che non ha mai accettato la sconfitta, per cui ha usato tutte le armi, anche quelle non consone". Santi ha fatto consegnare alla Schlein la tessera del Pd ai neoiscritti. "Questa destra ha ‘sgovernato’ Riccione – tuona –. Alla città ha lasciato un tappetino verde da buttare nel cestino". Su quest’onda la Petitti che – sempre riferendosi alle mosse del centrodestra – parla di un "colpo duro e ingiusto nei confronti di tutta la comunità riccionese". Ed è emozione anche per Sacchetti che parla di "vittoria della città, di fronte al tentativo becero d’infangare onorabilità e serietà. La città è pronta a reagire a questo grave danno". Di fronte alla Schlein, che a Riccione registra una standing ovation, Gnassi riprende: "Gli anni rancorosi trascorsi qui con la destra sono anni di conflitti, vissuti con l’idea di costruirsi un protagonismo politico con Riccione contro Rimini, Riccione contro Misano, Tosi contro Bonaccini. Riccione ha bisogno di splendere. Ora comincia una nuova storia".

Nives Concolino