Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

Boom di assunzioni: 23mila in tre mesi, il 60% nel turismo

Le previsioni degli imprenditori per il periodo maggio-luglio: in crescita il settore dei servizi alla persona, stabile il commercio

Il cartello di un locale che cerca cameriere per la stagione estiva
Il cartello di un locale che cerca cameriere per la stagione estiva
Il cartello di un locale che cerca cameriere per la stagione estiva

L’ottimismo non manca di certo. Nonostante tutto: gli effetti della guerra sul turismo, i rincari, la pandemia che – seppur sullo sfondo – c’è ancora. Un ottimismo che si traduce, dal punto di vista degli imprenditori, nell’intenzione di assumere nuovo personale. Tali previsioni, nei numeri, sono di gran lunga superiori a quelle dell’anno scorso. E nel Riminese il settore dell’alloggio e della ristorazione – dunque tutto ciò che ruota intorno al turismo – è sempre trainante.

I dati di Excelsior Informa, il bollettino mensile con orizzonte trimestrale sui fabbisogni occupazionali delle imprese industriali e dei selvizi, realizzato da Unioncamere, Anpal e dalle Camere di Commercio, dicono che nella nostra provincia sono 6.200 le entrate previste nel mese di maggio e 22.980 nel trimestre maggio-luglio 2022, con una variazione sull’analogo periodo del 2021 di +8.540 assunzioni, mentre la variazione rispetto al solo mese di maggio 2021 è di +2.670. I contratti previsti riguardano per il 92% dei casi lavoratori dipendenti (tempo determinato, indeterminato, apprendisti, altri alle dipendenze), con 7 punti percentuali in più rispetto al periodo precedente; il restante 8% è riferito a lavoratori con forme contrattuali diverse (collaboratori, in somministrazione, altri non alle dipendenze).

Per quanto riguarda i settori, come detto, nel Riminese alloggio, ristorazione e servizi turistici catalizzeranno la maggior parte delle entrate: 3.670 su un totale di 6.200 a maggio, 14.440 su poco meno di 23mila nel trimestre. Dunque più del 60%.

E ancora: rispettivamente 840 e 3.150 assunzioni previste nel settore dei servizi alle persone (ancora in marcata espansione), 470 e 1.770 nel commercio (calo), 300 e 710 per i servizi operativi di supporto alle imprese e alle persone, 180 e 670 per i servizi di trasporto, logistica e magazzinaggio. Le previsioni di assunzioni per i giovani con meno di 30 anni riguardano il 25% dei casi (-3%). In 33 casi su 100 le imprese prevedono difficoltà a trovare i profili desiderati.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?