La vetrata infranta del Caffè delle Rose
La vetrata infranta del Caffè delle Rose

Rimini, 25 agosto 2019 - Far West a Marina centro. Ieri mattina al Caffè delle Rose, la lite tra un marocchino e un romeno ha scatenato un mezzo inferno. Tavoli che volavano e vetrate fatte a pezzi, con uno dei due che minacciava l’altro con un coltello, sotto gli occhi terrorizzati dei clienti che scappavano da tutte le parti. A evitare il peggio sono stati gli agenti delle Volanti, un paio dei quali sono rimasti feriti nel tentativo di bloccare i due scatenati, finiti entrambi in manette.

Il pandemonio è cominciato alle 7,30, e a ricostruire le fasi della lite furibonda sono state le immagini delle telecamere, poi visionate dai poliziotti. Le strade del romeno e del marocchino si sarebbero incrociate per caso nel locale, e quasi certamente entrambi avevano già alzato parecchio il gomito nel corso di una notte probabilmente già sopra le righe. E’ bastata una scintilla per far scoppiare la bagarre. Una parola di troppo e, da una prima ricostruzione fatta dagli investigatori, sembra che i due abbiano cominciate a darsele di santa ragione.

Il più scatenato dei due sembrava il marocchino che ha afferrato un coccio di bottiglia e ha colpito l’altro sulla testa (venti giorni di prognosi). Non contento ha cominciato a tirare tutto quello che gli passava per le mani, incluso le sedie con una delle quali ha infranto la vetrata del locale. Un vero e proprio macello, mentre i pochi avventori che si trovavano lì a quell’ora del mattino, scappavano terrorizzati, per la paura di venire coinvolti in un parapiglia che stava diventando sempre più violento.

Quando la Polizia è arrivata, i due si stavano ancora fronteggiando e il romeno stava brandendo un coltellaccio, con cui era deciso a colpire il nemico e che per fortuna non ha fatto in tempo a usare. Gli agenti sono riusciti a disarmarlo e a immobilizzarlo a fatica, deciso com’era ad avventarsi contro il marocchino. Dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale, porto di coltello e lesioni gravi.

Tutt’altro che arrendevole, anche il marocchino, pieno zeppo di precedenti penali e domiciliato a Milano. Nel tentativo di scappare, ha ferito uno degli agenti delle Volanti che ha riportato dodici giorni di prognosi, ed è stato accusato di resistenza,. danneggiamento aggravato e lesioni aggravate. Con i due contendenti ci sarebbero stati anche degli amici, alcuni dei quali si sarebbero defilati appena si è scatenata la lite, mentre altri rimasti sul posto, non avrebbero però partecipato al putiferio. Alla Caffè delle Rose non è rimasto altro da fare che fare l’elenco dei danni.