DONATELLA FILIPPI
Cronaca

Chiuso il primo giro di consultazioni. Intanto Rete si tira fuori dai giochi

Dc e Ar hanno incontrato Repubblica Futura e il movimento civico che ha rifiutato possibili alleanze

Chiuso il primo giro di consultazioni. Intanto Rete si tira fuori dai giochi

Chiuso il primo giro di consultazioni. Intanto Rete si tira fuori dai giochi

Giovedì il faccia a faccia con Domani Motus Liberi e la coalizione di sinistra. Ieri quello con Repubblica Futura e Rete. Con il movimento di Zeppa che si tira fuori dai giochi. Democrazia cristiana e Alleanza Riformista non perdono tempo. In fin dei conti, il segretario del partito di via della Scalette lo aveva detto subito. "Serve un governo il prima possibile", e allora si procede con le consultazioni per arrivare a quei famosi 35 seggi che permetteranno alla coalizione uscita vincitrice dalle elezioni di formare la nuova maggioranza e il nuovo governo. Dicevamo degli incontri. "Si è discusso in un clima di dialogo costruttivo e di confronto aperto – riferiscono Dc e Ar – e si è riscontrata disponibilità sia ad un possibile percorso insieme, sia a ragionare

sugli obiettivi fondamentali per il Paese". Questo per quel che riguarda Repubblica Futura. Altro discorso per Rete. "Dai rappresentanti del movimento civico – sintetizzano – è stata ribadita la non disponibilità ad una possibile maggioranza con la nostra coalizione". Porte chiuse, quindi, ma non in maniera inaspettata. "Staremo all’opposizione – fanno sapere da Rete – con correttezza e sempre nell’interesse del Paese, sostenendo quei provvedimenti che rientreranno nella logica del nostro programma elettorale da qualunque parte provengano, senza pregiudizi. Abbiamo ribadito il nostro no ad un’eventuale alleanza post voto. Questa posizione, palesata l’anno scorso dopo la nostra uscita dal governo, è stata di recente confermata nella dichiarazione di non apparentamento manifestata in campagna elettorale". Rete che dalle elezione è uscita con le ossa rotte. "Il risultato è stato molto chiaro. Prendiamo atto della decisione della cittadinanza, sempre sovrana, che ha scelto di collocarci all’opposizione. abbiamo immediatamente aperto una fase di analisi che precederà il rilancio della nostra proposta programmatica con rinnovate motivazioni e l’impegno che da più parti ci viene riconosciuto". Chiuso il capitolo Rete, anche se in realtà non era mai stato aperto, la coalizione vincitrice delle elezioni ha in pratica già chiuso il primo giro di consultazioni. "Lunedì e martedì – fissano la tabella di marcia Dc e Ar – si terranno gli incontri interni agli organismi direttivi per ulteriori approfondimenti e valutazioni e per definire il calendario delle consultazioni per la prossima settimana".